Sinisa Mihajlovic: “La partita più importante? Quella con l’Inter perché voleva vincerla tramite i ricorsi”

0
1132

Alla vigilia della sfida contro il Venezia, l’allenatore del Bologna, Sinisa Mihajlovic, è tornato a parlare in conferenza stampa: “Dal momento che sono rientrato in ospedale, il mio obiettivo è stato quello di tornare alla normalità il prima possibile. Quando mi sono trovato dopo trenta e passa giorni di nuovo in campo è stato bellissimo. La famiglia, grazie alle tecnologie, mi ha dato forza; parlo della mia famiglia di sangue ma anche dei miei giocatori che mi hanno aiutato a passare un tempo che sembrava infinito. Colgo l’occasione per ringraziare squadra, società, staff, medici e infermieri che mi sono sempre stati vicini. È stato brutto ma sono qua e questo è quello che conta”.

Squadra che durante la sua assenza si è comportata benissimo, come ha rimarcato Mihajlovic che alla domanda su quale fosse stata la partita più importante, ha risposto lanciando una frecciata ai nerazzurri.

“La partita più importante? Quella con l’Inter perché sentivo da troppo tempo che questa partita era scontata, che l’Inter voleva vincerla tramite i ricorsi e questo mi faceva arrabbiare. Ho grande rispetto per tutti, compreso per Inzaghi, ma se c’è una cosa che mi dava fastidio era l’atteggiamento che era stato tenuto nei confronti di quella partita. Non dormivo la notte, non volevo che succedesse quello che tutti davano per scontato. Missione compiuta, Sinisa.