Moviola, Marelli prima nega, poi chiede rigore contro la Juve, ma Var e giornali lo smentiscono

0
4113

Sul suo canale youtube l’ex arbitro Marelli promuove il fisprimachietto di Juve-Udinese Giua, anche se tuttavia bacchetta il direttore di gara sardo per non aver concesso un calcio di rigore ai friulani:

Mi è piaciuta la selezione dei falli, ha fischiato solo 23 volte ed è un bel passo in avanti anche se deve crescere ancora. Rocchi l’ha impiegato due volte di fila in serie A e lo sta testando”.

Andando agli episodi, Marelli dice: “Al 22′ ammonizione di Arthur per fallo su Deulofeu: giusta anche se il contatto è stato leggero, era un’entrata brutta e in ritardo, anche l’ammonizione di Soppy è giusta, così come non c’è invece nulla nel contatto tra Soppy e Pellegrini, che non ha allargato la gamba. Non c’era rigore”.

“Al 71′ in presa diretta ho detto inizialmente a Dazn che non c’era niente, ma mi sbagliavo. L’episodio è sfuggito anche a me. In realtà è una trattenuta atipica. Bermardeschi ha però preso per i capelli Soppy e gli ha fatto perdere l’equilibrio”.

Più precisamente, spiega l’ex arbitro comasco: “Non ci sarebbe stato niente da ridire se fosse stato fischiato il rigore da Giua. Bernardeschi è stato ingenuo ma la trattenuta dura molto poco quindi non è un contatto da VAR, perché deve valutarlo l’arbitro in diretta, ma fischiare rigore sarebbe stata la scelta migliore”.

In campo le cose sono andate diversamente: Giua non considera l’entità della trattenuta da rigore ed il Var non intervenire. Troppo poco perchè ci siano gli estremi per il calcio di rigore