Squalifica Allegri, la ricostruzione della diatriba con l’arbitro Sozza: ecco il perché della furia

0
1720

Tensione alle stelle per Massimiliano Allegri che nel corso della sfida contro il Napoli ha rimediato una giornata di squalifica da parte del Giudice Sportivo per “avere, al termine della gara, mentre abbandonava l’impianto di giuoco, indirizzato a voce alta espressioni gravemente offensive nei confronti del Direttore di gara; infrazione rilevata anche dal collaboratore della Procura federale”.

A scatenare la furia dell’allenatore bianconero, gli ultimi istanti di gioco: l’arbitro Sozza fischia la fine del match, senza far battere un ultimo calcio d’angolo ai bianconeri, ed è in quel momento che la rabbia di Allegri diventa incontenibile.

A ricostruire la reazione scomposta di Allegri, il quotidiano il Tempo che ha reso noto il rapporto degli ispettori federali presenti allo Stadium.

Riferito a Sozza, Allegri aveva urlato all’attuale vice commissario designatore della Commissione Arbitri Nazionale, Andrea Gervasoni: “È un cogl**ne, diglielo, testa di ca**o deve recuperare 12 minuti, non 5. Vi fate prendere per il c**o stavano sempre a terra, hanno fatto le sceneggiate napoletane. Ora basta, anche se mi squalificano tre mesi“.

Non contento, Allegri si era poi scagliato anche contro lo stesso Sozza: “Sei un cogl**ne, non mi faccio prendere per il c**o da un cogl**ne”.

Alla fine, Allegri non ha pagato con i temuti tre mesi di stop, ma con un solo turno, scontato nel match contro la Roma, nel corso del quale è stato sostituito in panchina dal suo vice Landucci.