Criscitiello attacca l’AIA: “Trentalange dovrebbe dimettersi per la pagliacciata dei rimborsi spese. Arbitri premiati per le truffe”

0
7676

Il direttore di Sportitalia Michele Criscitiello, ha pubblicato un lungo editoriale attraverso le colonne di Tuttomercatoweb.

Criscitiello, tirando le somme di quest’annata calcistica, assegna un bel 5 in pagella al presidente dell’Aia (Associazione Italiana Arbitri) Alfredo Trentalange:

Meglio tirare una riga su questo 2021 per gli arbitri italiani. I vertici i veri colpevoli. Siamo passati da Nicchi a Trentalange, da Rizzoli a Rocchi ma le cose sono solo peggiorate. La gestione del Var è diventata quasi ridicola e ad personam. Ma questo è l’ultimo dei problemi”, il commento amaro del giornalista.

“Il cambio generazionale è stato fatto troppo velocemente, con arbitri di basso livello. La cosa più grave è stata la pagliacciata dei rimborsi spese. Con arbitri sospesi e poi reintegrati”.

Il giornalista fa nomi e cognomi: “Giacomelli e Massa in primis, con il secondo addirittura costantemente designato per incontri di cartello. Trentalange dovrebbe dimettersi per le zero risposte date e per i tanti disastri commessi”.

E infine, l’amara constatazione: “Neanche una parola dalla Federazione. Si doveva andare sul penale con denunce per truffa. Invece, come premio, sono stati reintegrati. Il prossimo caso riguarderà un arbitro top che in serie A arbitra tutte le domeniche”.