Superlega, ancora Tebas: “Juve, Real e Barça si credono Robin Hood…”

0
263

Il presidente della Liga spagnola Javier Tebas, ai microfoni del programma radiofonico spagnolo El Transistor, è tornato sulla vicenda Superlega, a seguito delle recenti dichiarazioni del presidente del Real Madrid Florentino Perez.

Ancora contrasti con la Superlega che non accennano ad affievolirsi e che hanno portato il numero uno della UEFA, Aleksander Ceferin, a difendere la sua posizione con forza, contro i tre club ribelli Juventus, Real Madrid e Barcellona, che portano avanti con tenacia il progetto Superlega.

Javier Tebas non ha usato mezzi termini per ribadire la sua posizione e ha continuato il suo attacco al presidente del Real: Perez ha in testa il progetto della Superlega da 20 anni. È uno scherzo dire che una competizione sportiva debba tenere conto del numero di follower che un club ha sui social network. Ci sono cose sulle quali non si può discutere. Ascoltando Perez, sembra che loro fossero i nuovi Robin Hood. Stanno creando un racconto sulla Superlega che non corrisponde alla realtà, ha affermato il numero uno della Liga spagnola, che ha poi aggiunto:

Perez non può dire che i Tribunali gli hanno dato ragione fino a quando non ci sarà una notifica ufficiale, che alla UEFA non è pervenuta. Qui c’è un Tribunale commerciale di Madrid che ha adottato delle misure cautelari senza ascoltare l’altra parte, ha dichiarato Tebas, che ha poi aggiunto: “Se i club hanno commesso un’irregolarità rispetto agli statuti UEFA, vanno sanzionati. I fatti sono gravissimi. Quello che mi dispiace è che il Real Madrid pensi che una Superlega possa guidare il calcio europeo”.