Buffon portato in trionfo dai compagni. “La Juve sarà sempre una parte importante della mia vita”

0
783

Al termine della sfida contro l’Atalanta, vinta dalla Juventus per 2-1, il portierone della Juventus Gianluigi Buffon, si è presentato ai microfoni di Rai Sport per commentare la conquista della 14ª Coppa Italia conquistata dalla Vecchia Signora e la 6ª della sua carriera.

Una vittoria giunta al termine di una stagione, l’ultima, di Buffon con la maglia bianconera: “È stata una grandissima emozione, ha dichiarato il portiere, che ha poi proseguito “finire così è una qualcosa che mi inorgoglisce. Sono felicissimo di aver condiviso tantissime avventure coi compagni e i tifosi, è stata la ciliegina sulla torta”.

Buffon ha rivolto un ringraziamento al mondo bianconero: “I tifosi, la gente della Juve, i dirigenti, i miei compagni saranno sempre una parte della mia vita. Non cambierà nulla. Ho dato tanto amore e professionalità, orgoglio e coraggio ogni volta che sono sceso in campo. Ne vado fiero, ma ho 43 anni e tutte le cose devono finire. Alcune scelte possono sembrare impopolari, strane o folli. Ma se sono arrivato a 43 anni così e perché quel pizzico di follia non mi ha mai permesso di pormi limiti e di smettere di sognare“.

In merito ai suoi progetti futuri, Buffon ha dichiarato: “Magari non vincerò nulla, ma non mi è mai interessato vincere trofei. Voglio viaggiare e battermi e portare al limite il mio corpo, la mia energia e me stesso. Non so quello che succederà. Potrei anche smettere perché mi sento felice e appagato. Ho una famiglia bellissima, amo mia moglie e miei figli. Ho avuto tanti contatti, ha rivelato Buffon che ha poi aggiunto: “Sto analizzando le proposte che ho avuto. Quella che reputerò più stimolante e quando troverò un folle più folle di me lo seguirò. Mi è arrivato un messaggio di un dirigente di una società che potrebbe superarmi in questo. Mi piacciono quelle persone. In questi tre anni mi sono auto-alimentato, se no non avrei avuto un motivo per continuare. Ma mi sentivo forte e bene. Se trovo la situazione giusta… Mi sento ancora molto forte, ha affermato il portiere bianconero, che al termine della partita è stato festeggiato in campo dai suoi compagni che lo hanno portato in trionfo: