Andrea Bosco: “Paratici contento di che? Di Rabiot? di Bentancur? di Arthur?”

0
482

Andrea Bosco propone una disamina spietata della Juventus dopo il nuovo ko contro l’Atalanta.

Il giornalista e scrittore di fede bianconera definisce la Juve “una squadra alla quale Pirlo (al pari di Sarri) non è riuscito a dare una identità. Che gioca magari anche discretamente: sempre, tuttavia, in modo scolastico. E’ una Juventus senza “fame”.

IL giornalista è sicuro: “Una Juve in grado di fare la Juve, anche senza Ronaldo, anche con la sfortuna di perdere Chiesa, anche con la jattura della deviazione di Alex Sandro che costa la gara, anche una Juventus così, magari solo di nervi, la gara che non può perdere, la vince. Purtroppo la Juve è un terno al lotto: vince due partite e si compiace. Promette quanto non è in grado di mantenere”.

“Paratici nel pre gara ha affermato di essere contento dei suoi giocatori. Contento di Rabiot? Contento di Bentancur? Contento di Arthur sempre più pizzardone? Contento dell’impalpabile Morata? Contento dell’acerbo Kulusevski? Contento di Alex Sandro? Salvi Cuadrado, il portiere e l’intera difesa.

Bosco lancia ancora una volta l’allarme: “Il quarto posto oggi è a rischio” e in caso di fallimento il progetto della Juve andrebbe riconsiderato.

Si può perdere. Anzi: dopo tante stagioni vincenti, perdere è fisiologico. Ma perdere così non è da Juventus. Se sei la Juventus non puoi avere un abisso di punti con la prima in classifica.

“Ammettere di avere sbagliato è il primo passo per chi voglia ricostruire. Purtroppo secondo il giornalista “ci vorrà un biennio, forse più per tornare in vetta . Gli errori si pagano. Alcune carenze non erano prevedibili. Altre lo erano. Erano sotto agli occhi di chi avesse voluto vedere”.