Rampulla: “Anastasi ha fatto tanto per il calcio, assurdo non ricordarlo, hanno perso la dignità”

0
290

L’ex portiere della Juventus, Michelangelo Rampulla, ai microfoni di Radio Bianconera, ha commentato la recente scomparsa del grande Pietro Anastasi.

Il ricordo di Rampulla:

“Ho iniziato a giocare a pallone con Anastasi come idolo, mi piaceva seguire le sue gesta. Gran parte dei siciliani se sono juventini lo devono anche a lui.

Sono cresciuto con il suo mito, a 12 anni avevo comprato il suo libro, sono nato con lui, poi ho avuto la fortuna di conoscerlo.

Ci siamo sentiti al telefono diverse volte, sono molto dispiaciuto che sia scomparso. Per noi siciliani è stato un idolo“.

Rampulla ha poi commentato severamente il mancato minuto di silenzio sui campi in suo ricordo:

“È stata una cosa vergognosa, sarebbe dovuta essere una cosa normale, sono deluso da queste persone che gestiscono il calcio.

Anastasi ha fatto così tanto per il calcio, è assurdo non ricordarlo, hanno perso la dignità“.