Buffon: “Orgoglioso del record in Serie A. Juve-Parma, credo che non giocherò”

0
480

Il portiere della Juventus, Gigi Buffon, ospite del Circolo dei Lettori di Torino in occasione della presentazione del libro “Non pettinavamo mica le bambole” di Alessandro Alciato, ha avuto modo di parlare anche di sé e dei suoi prossimi impegni.

Le parole di Buffon, in merito ad una sua possibile presenza in occasione della sfida della Juventus contro il Parma:

“La prossima settimana abbiamo l’altro turno di Coppa Italia, credo serenamente di non giocare, dovremmo incontrare poi la Roma o il Parma stesso, l’incontro sarebbe solo rinviato“.

Il portiere bianconero ha poi commentato il suo record in Serie A:

“Sono soddisfazioni personali che mi gratificano e mi rendono orgoglioso, è giusto esserlo.

La vita è fatta di sacrificio e sudore ma anche cose belle e frivole”.

Buffon ha poi continuato:

Non voglio essere un modello per bimbi e persone, non ho questa aspirazione, non sento la necessità di educare nessuno, molti vorrebbero addossarti anche questo tipo di responsabilità.

Come dico sempre l’educazione di un bimbo, un ragazzo o un adulto, spetta al genitore.

Posso essere uno spunto di riflessione, se una famiglia è a tavola e alla TV vedono Buffon che fa 700 partite in Serie A il papà dice: “Vedi Buffon, aldilà dell’uomo che non conosco, ha avuto la capacità di soffrire in certi momenti e l’umiltà di migliorare“. Voglio essere questo per i miei figli.

Non lo faccio in modo esplicito, altrimenti gli darei una pressione che non meritano, sono ancora bimbi e fragili e devono avere la loro spensieratezza, ma con segni impliciti spero che loro colgano questo segnale”.