Venerato sulla Juve: “La dirigenza è totalmente a favore di Sarri. Demiral non è sul mercato”

0
228

Il giornalista di Rai Sport ed esperto di mercato, Ciro Venerato, nel corso di un’intervista esclusiva a tuttojuve.com, di cui si riporta un estratto, ha commentato la prima parte di stagione di Maurizio Sarri alla Juventus, e le trattative di mercato dei bianconeri.

Il giudizio di Venerato sull’operato di Maurizio Sarri:

“Sono sei mesi assolutamente positivi, considerando le problematiche legate ad un cambio più ideologico che tattico.

A mio parere, è andato anche oltre le aspettative per la rivoluzione Copernicana che c’è stata, sono arrivate due sconfitte con la Lazio ma ci si poteva aspettare anche di peggio.

I bianconeri sono primi in campionato, hanno vinto giocando meglio lo scontro diretto con l’Inter e hanno superato agevolmente il girone di Champions.

È innegabile che Maurizio Sarri e Massimiliano Allegri, il suo predecessore, abbiano due metodi di lavoro completamente differenti”.

Venerato ha poi continuato:

“In pochi lo sanno, ma Maurizio Sarri è una persona di grande spessore culturale. Non mastica solo calcio, in estate credo possa divorare 15-20 libri tutti impegnativi. Ama molto la letteratura spagnola.

Lo apprezzo molto come allenatore, nei tre anni di Napoli ha elargito il più bel calcio d’Europa.

Maurizio non è un’integralista e nemmeno un talebano come era stato definito. La sua intelligenza lo ha portato nel corso della carriera ad adeguarsi alle varie situazioni, qui alla Juve ad esempio gioca con il 4-3-1-2 per permettere a Dybala e Higuain di giocare con Ronaldo“.

Il giornalista ha poi commentato il rapporto tra Sarri e Ronaldo:

“Con Cristiano Ronaldo c’è un rapporto franco e diretto, Sarri lo ha detto sin da subito che è diverso dagli altri.

È ovvio che quando lo ha visto poco bene, per preservarlo lo ha sostituito. D’altronde nelle interviste ne ha sempre parlato bene, c’è grande stima tra i due.

La scorsa estate a Nizza, CR7 ha gradito tantissimo la visita molto umile di Sarri e dal confronto scaturito il portoghese, con molta onestà, gli ha fatto capire che preferiva giocare in attacco piuttosto che tornare a fare l’esterno come ai tempi dello United“.

Venerato ha poi commentato il rapporto tra la dirigenza e Sarri:

La dirigenza è totalmente a favore di Sarri, in primis lo è il presidente Andrea Agnelli, ma anche Fabio Paratici e Pavel Nedved sono al suo fianco.

L’arrivo del giovane talento Kulusevski è arrivato anche grazie ad un suo riscontro positivo, si vede che è un calciatore adatto per il suo gioco”.

Venerato ha poi concluso con un commento sulle possibili trattative di mercato:

“L’ipotesi di scambio tra De Sciglio e Hysaj, in questo momento, non sta decollando

Su Emre Can ho riscontri dal Manchester United e dal Paris Saint Germain. Si riparla di uno scambio con Paredes, ma non so quanto possa esser funzionale al gioco di Sarri.

Oltre a Pjanic, a lui piace tantissimo Bentancur, poi non si è ancora visto il vero Rabiot. C’è intenzione di recuperarlo.

Demiral in estate era stato richiesto dal Milan, che ci ha provato in tutti i modi a prenderlo, ma Paratici ha sempre detto che non era sul mercato. E non lo è anche in questa sessione di calciomercato.

L’unico calciatore che era stato messo sul mercato è Rugani, vedremo se arriverà una buona offerta.

Bisognerà capire quale modulo utilizzerà l’anno prossimo: se giocherà col 4-3-3, tornerà l’interesse per Chiesa“.