Tifosi interisti infuriati per la scelta di Pairetto per Inter-Genoa: “Il fratello lavora alla Juve!” Interviene anche Marelli

0
1070

La designazione dell’arbitro Luca Pairetto alla direzione di Inter-Genoa sta scatenando furiose polemiche tra i tifosi nerazzurri.

L’arbitro Luca Pairetto, figlio dell’ex designatore Pierluigi Pairetto, divenuto noto per l’annosa vicenda Calciopoli, e fratello di Alberto che lavora alla Juventus come Event Manager, è visto con sospetto dai tifosi interisti.

Molti i commenti degli infuriati tifosi dell’Inter sui social, tra cui:

“Mi chiedo come si possa ragionevolmente pensare di affidare a Pairetto, la direzione di Inter Genoa, con il fratello che lavora di fatto per Agnelli e banda bassotti

“Per me uno come Pairetto non deve arbitrare nemmeno in Eccellenza altro che Serie A, dopo quello che ha fatto il padre

“Siete una vergogna. Spero che non ci siano episodi poco chiari contro l’Inter, altrimenti iniziamo a scaldare i motori”.

Le critiche dei tifosi nerazzurri hanno attirato però i numerosissimi commenti da parte di altri tifosi, infastiditi dalle accuse mosse a Pairetto:

“Per gli interisti Rocchi non va bene, Orsato non va bene, Pairetto non va bene, Maresca non va bene. etc… Ma chi volete?”

“Dicono di avere la difesa più forte del globo, la coppia d’attacco più stratosferica della galassia, devono affrontare il Genoa e piangono per Pairetto

“Questi interisti cercano sempre scuse, tipico dei perdenti

Calciopoli l’hanno causata loro e la addebitano a noi. Non parlano mai della prescrizione e delle intercettazioni scomparse, così come di Guido Rossi che ha condannato la Juventus, lavorava per Moratti“.

Sull’argomento è intervenuto anche il seguitissimo ex arbitro Luca Marelli, che sul suo account Twitter ha pubblicato un commento tranciante:

“Tanto per essere chiari.
Non ho tempo.
Il confronto è fondamentale e mi piace. Molto.
Ma scelgo di cosa discutere.
Di argomenti utili a siti spazzatura non mi interessa niente.
Pairetto può arbitrare l’Inter oggi come in passato.
Fine della discussione, per quanto mi riguarda”.