Chirico: “Conte, flop in Europa”

0
612

Il giornalista Marcello Chirico, su ilbianconero.com ha commentato la sconfitta dell’Inter contro il Barcellona, che ha portato i nerazzurri all’eliminazione dalla Champions League.

Le parole di Chirico:

Tutto sul campionato. Dopo l’eliminazione dalla Championse la retrocessionein Europa League, Conte punterà tutte le sue fiches sullo scudetto.

Non è scontato, ma altamente probabile, conoscendo la filosofia dell’uomo del Salento: quando non possiede le risorse per essere competitivo su più fronti, sceglie un obiettivo e si concentra solo su quello.

Lo ha fatto nel suo triennio bianconero, lo ha rifatto nel biennio al Chelsea.

Un solo obiettivo stagionale che, quasi sempre, al suo primo anno in un club è il campionato. Quindi, occhio Juve!

Cominciò con quelli di B, prima col Bari poi col Siena, proseguì poi con la Juve e col Chelsea. E puntando subito al bersaglio grosso, lo centrò sempre.

Lo farà pure stavolta all’Inter, a meno che la società non gli imponga di provare a vincere l’Europa League per una questione di prestigio, blasone e visibilità internazionale del club.

Ma per poterlo fare, Conte chiederà adeguati rinforzi a gennaio. E non essendo scontato ottenga tutto ciò che vuole, alla fine lui mollerà la piccola Europa per dedicarsi esclusivamente al grande obiettivo del tricolore. Il suo pensiero fisso da quando ha firmato per l’Inter.

L’eliminazione dalla Champions League, quindi, non inganni. Anche se col Barcellona (e col B.Dortmund) sono emersi tutti i limiti evidenti della rosa nerazzurra, da quegli stessi giocatori Conte proverà a tirare fuori il massimo e a centrare il tricolore.

In campionato non mollerà un millimetro, anzi, produrrà il massimo dello sforzo, turnando i giocatori nelle restanti competizioni.

La Coppa Italia non l’ha quasi mai considerata, e infatti la volta che centrò la finale la perse malamente col Napoli, mandando in campo una squadra scarica ed ebbra di festeggiamenti per lo scudetto appena riconquistato dopo 5 anni di oblio.

Ha vinto la Coppa d’Inghilterra col Chelsea, ma solo quando si rese conto di non potere più rivincere la Premier.

Un unico obiettivo. Per prendersi la rivincita con Agnelli e la Juventus, e per mantenere intatta la sua fama di vincitore, di quello che quando prende in mano la squadra la porta subito a vincere.

Del resto, con l’Europa Antonio non ha mai avuto un gran feeling.

Della sua Juve si ricordano infatti più le figuracce che le imprese: in Champions la sconfitta nei minuti finali col Galatasaray, nel pantano di Instanbul, e l’eliminazione col Benfica in Europa League, ciccando così la finale all’allora Juventus Stadium.

A Lisbona riuscì a tenere in panchina Tevez, al ritorno mise in campo una squadra stanca, incapace di far l’unico gol che gli serviva in 98 minuti di partita (con ben 8 di recupero), perché spremuta in un campionato già vinto ma che lui voleva stravincere col record dei 102 punti.

Un’eliminazione mai digerita da Andrea Agnelli, insieme alle continue bizze del salentino.

“Vincerò la Champions, più di una volta!” dichiarò una volta Conte. Oltre un quarto di finale col Bayern, perdendo tra l’altro entrambi i match, non è andato.

Le sue ultime 3 sconfitte nel girone, più il pareggio casalingo con lo Slavia Praga, confermano una volta di più la sua scarsa attitudine per quel torneo. Solo nei campionati Conte ha trovato finora il mood giusto.

Tutto questo per arrivare a dire cosa? Lanciare un avvertimento a Sarri e alla sua truppa: da oggi Conte diventa ancora più pericoloso.

Se “lo scudetto è un obbligo” come ha dichiarato proprio l’allenatore della Juve alla festa di Natale del club, si sappia che Antoniuccio glielo contenderà fino all’ultimo, con tutte le forze a sua disposizione, sfruttando a proprio favore il clima generale, la voglia di cambiamento da parte di tutti di vedere vincere qualcun altro e non la solita Juve.

Quindi, si ricomincino a fare punti già con Udinese e Sampdoria. Anche perché Conte, al momento, è già davanti“.