Gli auguri social della Juve ad Angelo Alessio: dalle coppe agli scudetti da vice di Conte

0
369

Angelo Alessio oggi compie 54 anni, un bianconero che ha attraversato tutta la fase buia della storia della Juventus, a cavallo fra gli anni ’80 e ’90.

Alessio è rimasto alla Juventus dal 1987 al 1992, riuscendo a totalizzare 139 presenze e 21 reti, e a conquistare la Coppa Uefa e la Coppa Italia.

La sua esperienza è ripresa poi dal 2011 al 2014, quando diventa il vice di Antonio Conte, in un indimenticabile triennio che dà il via al ciclo di scudetti della Juventus.

Sul profilo ufficiale Twitter gli auguri della Juventus ad Angelo Alessio:

In una intervista di qualche tempo fa, Alessio aveva raccontato la sua carriera:

“Sin da bambino guardavo con entusiasmo le partite di pallone alla televisione e apprezzavo in maniera particolare Gigi Riva. Perciò per imitare il mio campione mi dilettavo prima con i miei fratelli, e poi nella squadretta del paese; fino ad arrivare, dopo diversi anni di gavetta, al palcoscenico più ambito da un calciatore, la Serie A“.

“La grandezza della Juventus deriva proprio dalla sua abilità di curare ogni dettaglio nei minimi particolari, nulla viene tralasciato. Quindi è comprensibile il perché di tanti successi: alle spalle di una rosa di campioni, c’è un organico che sa programmare con parsimoniosa cura ogni più piccola contingenza”.

“All’inizio mi aveva assalito la paura di non riuscire a reggere il paragone con giocatori dal calibro di Cabrini e Scirea, due atleti con un bagaglio di esperienze da far impallidire chiunque. Fortunatamente quella sensazione è svanita in modo fulmineo non appena ho avuto la possibilità di conoscere i compagni, ragazzi eccezionali che mi hanno accolto con entusiasmo“.

Le parole di Alessio sui tifosi bianconeri:

Mai la squadra è stata abbandonata dai suoi sostenitori, e la testimonianza deriva proprio dalla presenza massiccia di folla negli stadi ogni qual volta si esibiscono i giocatori zebrati. Quindi tutto ciò è un segnale tangibile di affetto della gente nei nostri confronti”.