Bonucci chiede scusa: “Su Kean, sono stato sbrigativo”

0
147

Il difensore bianconero Leonardo Bonucci, fa marcia indietro e tenta il recupero.

E lo fa con una bella foto pubblicata su Instagram che lo mostra abbracciato al giovane 19enne Moise Kean, accompagnandola con queste parole:

“Dopo 24 ore desidero chiarire il mio pensiero. Ieri sera ho parlato alla fine della partita e mi sono espresso in modo evidentemente troppo sbrigativo, che è stato male interpretato su un argomento per il quale non basterebbero ore e per il quale si lotta da anni. Condanno ogni forma di discriminazione. Certi atteggiamenti sono sempre ingiustificabili e su questo non ci possono essere fraintendimenti”.

I fatti sono ormai noti. Nel corso della sfida di campionato Cagliari-Juventus, Moise Kean a seguito del suo gol, aveva esultato allargando le braccia e dirigendosi proprio di fronte al settore della tifoseria organizzata del Cagliari, venendo sommerso da fischi e cori vergognosi.

Quella sua esultanza aveva poi portato a piccoli disordini sugli spalti e anche tra i giocatori in campo, come Matuidi che, giunto in soccorso di Kean, era stato contestato a sua volta.

Sullo spiacevole episodio in campo, era intervenuto proprio Leonardo Bonucci al termine del match, ‘rimproverando’ bonariamente il suo compagno Kean:

“Ci sono stati ululati a Kean dopo il gol, ma quando si fa goal bisogna pensare ad esultare con la squadra e basta , lo sa pure lui che poteva fare qualcosa di diverso. È colpa a metà tra Moise e la curva, noi dobbiamo essere d’esempio”.

E a distanza di 24 ore da quella dichiarazione, arriva la precisazione di Bonucci, necessaria, vista l’alzata di scudi da parte di tutto il mondo del calcio, che ha condannato senza possibilità di appello il comportamento vergognoso tenuto nei confronti di Moise Kean.

Il post pubblicato da Bonucci sul suo profilo Instagram:

View this post on Instagram

Dopo 24 ore desidero chiarire il mio pensiero. Ieri sera ho parlato alla fine della partita e mi sono espresso in modo evidentemente troppo sbrigativo, che è stato male interpretato su un argomento per il quale non basterebbero ore e per il quale si lotta da anni. Condanno ogni forma di razzismo e discriminazione. Certi atteggiamenti sono sempre ingiustificabili e su questo non ci possono essere fraintendimenti. // After 24 hours I want to clarify my feelings. Yesterday I was interviewed right at the end of the game, and my words have been clearly misunderstood, probably because I was too hasty in the way I expressed my thoughts. Hours and years wouldn't be enough to talk about this topic. I firmly condemn all forms of racism and discrimination. The abuses are not acceptable at all and this must not be misunderstood.

A post shared by Leonardo Bonucci (@bonuccileo19) on

Molte le critiche a Bonucci arrivate anche dalla stampa estera.

Il New York Times ha sottolineato come Kean sia stato “criticato da un compagno di squadra, e dal suo allenatore, che lo hanno incolpato di aver provocato”, così come il The Guardian ha riportato: “Le parole di Bonucci fanno pensare che sia difficile essere ottimisti sul calcio italiano. In campo sono accadute scene tristi che sono state aggravate dalle parole di Bonucci. Lasciando in un angolo l’ipocrisia di questo commento da parte di un giocatore che dopo i gol invita a sciacquarsi la bocca, è stato un atto incredibilmente sconsiderato”.