Chiellini si unisce alla mobilitazione: “Spero che Al-Araibi torni a casa”

0
320

Il capitano della Juventus, Giorgio Chiellini, si unisce alla mobilitazione internazionale per il difensore del Bahrein, Hakeem Al-Araibi, in carcere da oltre un mese in Thailandia.

Sul suo profilo Twitter Chiellini ha pubblicato un messaggio dedicato al giocatore:

“Spero in una rapida soluzione in modo che Hakeem Al-Araibi possa tornare a casa in Australia”.

Il giocatore del Bahrein, è ancora in carcere nell’attesa che il Tribunale di Bangkok si pronunci sull’estradizione.

Al-Araibi era stato arrestato nel novembre 2012 in Bahrein, con l’accusa di aver partecipato ad alcune sommosse nel 2011.

Pur essendo impegnato in una partita in Qatar, decise di scappare in Australia, dove gli è stato riconosciuto il diritto di asilo.

Rifugiato politico in Australia dal 2014, è in carcere da novembre 2018 in Thaliandia, ove è stato arrestato durante il suo viaggio di nozze.

Sulla sua testa pende la richiesta di estradizione in Bahrain, contro la quale si è sviluppata una campagna mediatica a livello mondiale.

Il tweet di Chiellini pubblicato sul suo profilo Twitter: