spot_img
spot_img
giovedì, Maggio 30, 2024

Espulsione Kean, spunta il video della provocazione. E c’è la ginocchiata di Mancini

spot_imgspot_img

La follia di Moise Kean, espulso dopo appena 40 secondi in campo è costata cara alla Juventus.

Il centravanti bianconero è infatti caduto nella trappola di Mancini: l’attaccante reagisce alla provocazione di Mancini e viene espulso dopo soli 40 secondi dal suo ingresso in campo.

Quanto accaduto è ben spiegato da Fanpage: “il centravanti classe 2000 va a contatto corpo a corpo con Gianluca Mancini (autore del gol che ha regalato il vantaggio ai capitolini) che lo strattona e senza fare complimenti cerca di fermalo in tutti i modi (anche prendendolo per i capelli) e di farlo innervosire. A quel punto Moise Kean cade nella trappola azionata dal centrale romanista, perde le staffe e sfoga tutto il suo nervosismo rifilando un calcio al difensore giallorosso che colpito da dietro cade a terra e resta disteso dolorante sul terreno di gioco”.

Bene ha fatto Ravezzani a dire che “Mancini sia il calciatore più antisportivo e provocatore della A. Il tutto con la colpevole compiacenza degli arbitri. Ieri con la Juve lo ha ampiamente confermato. Così come Kean ha confermato di essere l’attaccante più inaffidabile”, le parole del direttore di Telelombardia.

Ecco il video simbolo che riprende il giocatore della Roma che addirittura sferra una ginocchiata sull’addome di Kean.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Paolo Paganini: “A chi mi chiede di Kean, è stato ingenuo andava espulso ma Maresca doveva fischiare prima e manca l’ammonizione a Mancini”.

- Advertisement -