spot_img
spot_img
domenica, Giugno 16, 2024

Il Brighton può puntare davvero all’Europa League?

spot_imgspot_img

Sogno Europa per il Brighton? Ci può assolutamente stare, perché la squadra inglese, dopo l’arrivo dell’italiano Roberto De Zerbi, reduce dall’incredibile e sfortunata parentesi allo Shakhtar Donetsk, chiusa con la risoluzione del contratto il 6 luglio scorso, ha preso il volo.

Eloquente da questo punto di vista l’esordio del giovane tecnico bresciano, è un classe 1979, che alla sua prima volta in Premier League si trovò a fronteggiare, in trasferta peraltro, il super Liverpool di Jurgen Klopp nel teatro dell’Anfield. Finì con uno spettacolare ed emozionante 3-3 che ridestò subito i tifosi biancoblu che da allora hanno cominciato a sognare di tornare a sorridere in maniera corposa come quando ad inizio anni Ottanta raggiunse la finale di FA Cup, poi persa per 0-4 contro il Manchester United.

Ora nel mirino c’è la rinnovata Europa, quella delle partecipazioni lussuose alle principali Coppe, entrare nell’elenco magari delle scommesse Europa League e il cammino della De Zerbi-band, che da quel sabato 1° ottobre è andato sempre in crescendo, fa ben sperare tutti coloro che sono soliti affollare il Falmer Stadium, impianto che dal 2011 ospite le gesta del club dell’East Sussex.

In realtà è bene sottolineare che dopo il pirotecnico 3-3 nella tana dei Reds, il mese di ottobre è andato avanti a stenti; da sottolineare solo il pari ad occhiali contro il Nottingham Forest contro le sconfitte patite nei confronti di Tottenham, Brentford e Manchester City. La fine di ottobre ha invece dato il là alla svolta con il sontuoso 4-1 al Chelsea cui seguì il pesante 3-2 in casa del Wolverhampton, anche se prima dello stop per i Mondiali c’è stata anche l’inopportuna sconfitta interna con l’Aston Villa. Le due vittorie di fila hanno comunque avuto il potere di dare robustezza alla classifica, anche se i consensi per il gioco impostato da De Zerbi erano già arrivati copiosi, pur non traducendosi in risultati positivi.

La ripresa delle ostilità, prevista in Premier League per il 26 dicembre, sarà un banco di prova importante per i biancoblù, attesi dal viaggio verso Southampton, ultima della classe e dunque sulla carta avversario abbordabile. La classifica del Brighton, del resto, è attualmente piuttosto interessante e l’occasione sembra più che opportuna per renderla migliore, per cercare di assottigliare quel gap presente nei confronti del Manchester United che occupa la quinta piazza della classifica con cinque lunghezze di vantaggio.

In Inghilterra, infatti, è il quinto posto in Premier League a dare l’accesso diretto all’Europa League, l’altro posto è assegnato alla formazione vincente della FA Cup e anche qui il Brighton è in corsa, dovendo affrontare il terzo turno in casa del Middlesbrough, match programmato per il prossimo 7 gennaio 2023 alle ore 16. Due porte per concretizzare un sogno, realizzabile ma non certo facile da portare a casa vista la grande competitività del calcio inglese, ma il Brighton sembra avere le carte per poterci provare fino alla fine.

- Advertisement -