spot_img
spot_img
domenica, Dicembre 4, 2022

Moggi svergogna Zanetti: “Ti ricordi cosa era successo quando eri in tribunale con Moratti? Calciopoli? All’Inter non avete vinto perché eravate meno forti della Juve”

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Luciano Moggi, ex dirigente della Juventus, non ha lasciato cadere nel nulla le accuse di Javier Zanetti su Calciopoli, proferite dal palco del Festival dello Sport di Trento.

Parole di fuoco quelle di Moggi, esternate durante l’ultima diretta a Juventibus Live:

Parlare male della Juve è diventata una moda, ci sono dei momenti in cui dobbiamo prestare la massima attenzione. Zanetti al Festival di Trento ha detto ‘adesso ho capito perché abbiamo perso il campionato nel 1997-98’, voleva dire che la Juventus lo aveva rubato come al solito nell’era Calciopoli”.

A questo punto Moggi si fa molto serio: “Adesso dico una cosa: quando mi sono trovato a Milano in Tribunale presso la Corte d’Appello di Milano e c’era Zanetti e Moratti a fare da testimoni, tutti e due hanno detto che avrebbero preferito che il figlio di Facchetti…è inutile che mi diciate che non si può parlare dei morti. Qui bisogna parlarne perché sennò fanno morire anche lui. Questi signori – afferma Moggi – dissero che era preferibile che Gianfelice Facchetti non facesse nulla, anche perché aveva torto marcio”.

L’ex dirigente della Juve ricorda che “purtroppo le intercettazioni fanno da testimone. Se volete vi faccio vedere pure la prima pagina della sentenza della Corte d’Appello di Milano 21-66 in cui dice che ‘Facchetti faceva lobbing con gli arbitri’. Addirittura aggiunge che Palazzi disse a un certo punto che l’Inter era la società che rischiava più di tutti per il comportamento illegale del suo presidente”.

Si passa ai nostri giorni e qui Moggi a gioco facile: “Ancora questi…noi non diciamo niente di una partita come quella contro la Salernitana, nel quale la Juventus aveva giocato male ma aveva vinto. Non fanno pure reclamo per vizio tecnico, quando lo era. Non hanno fatto reclamo per la ripetizione. Abbiamo avuto il Curi, abbiamo avuto Gianni Petrucci che prima da segretario della Roma e poi da Commissario della Federazione, fece giocare Nakata che non aveva mai giocato la settimana della partita che poteva decidere il campionato”.

Moggi è un fiume in piena: “Questi rientrano sempre nel clima ‘voi sapete perché non abbiamo vinto il campionato’. Non lo hanno vinto perché erano meno forti di noi. Vorrei sapere a che titolo lo dicono. La partita la stavamo vincendo per 1-0 (Juve-Inter 1997/98, ndr), e se non vado errato, il campionato vedeva la Juventus prima in classifica con 1 punto di vantaggio. Questi vanno ancora a rivendicare che avrebbero vinto il campionato. Veramente non c’è più religione. La Juventus la deve finire di stare zitta. Se ne parlano tanto un po’ di ragione l’abbiamo. La Juventus è stata incolpata di quello che facevano gli altri, non di quello che faceva lei”.

- Advertisement -