Giampaolo: “Avrei potuto allenare la Juve ma non ho rimpianti. Allegri ha una squadra forte”

0
167

In occasione della sfida contro la Juventus, l’allenatore della Sampdoria Marco Giampaolo, ai microfoni di TuttoSport ha anche ricordato quando, 13 anni fa, ha avuto l’occasione di guidare la panchina dei bianconeri, al posto di Ciro Ferrara. “Non mi sono mai guardato indietro – ha commentato Giampaolo. Però i momenti storici vanno sempre tenuti da conto. È stata un’opportunità. Ero giovane, avevo 40 anni”.

Giampaolo ha poi parlato della Juventus di oggi: “La Juventus è una squadra forte anche per mentalità. Hanno iniziato bene, al contrario dell’anno scorso. Allegri ha riannodato le sue corde, conosce i calciatori. Ha qualche assenza ma rimane una formazione competitiva sotto ogni punto di vista. Per mentalità, è più forte di quella che è. Quando sei abituato a vincere, respiri la forza della squadra“.

“Quella con l’Atalanta è stata una grande partita anche se non sono soddisfatto perché certe prestazioni devono portare a risultati positivi. Mi aspetto che la squadra giochi un calcio giusto, temerario, non pavido, ambizioso. Questi termini li appoggio alla mentalità. Mi auguro che la sconfitta con l’Atalanta non infici sulla testa. La squadra l’ho vista bene. Li alleno e mi diverto. Mi suona”.

In merito al gol annullato a Caputo, ha commentato: “Dobbiamo essere bravi ad andare oltre. Quello che c’era da dire lo abbiamo detto educatamente. Si rigioca, non è perché la settimana scorsa siamo stati penalizzati ora ci aspettiamo compensazioni. Non me l’aspetto e non deve essere così. Nelle ultime giornate si fanno dossier dei torti. Tutte ca**te…. Anche gli arbitri lavorano come lavoriamo noi. E tu speri che gli errori siano sempre meno”.