Allegri in conferenza: “Domani gioca Rabiot. Chi sostituirà Bonucci? Domani tiro la monetina, se esce il gatto gioca Gatti, se esce un cane gioca Rugani”

0
1704

Il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri interviene in conferenza stampa dall’Allianz Stadium per presentare l’incontro tra i bianconeri e la Sampdoria. Queste le parole dell’allenatore alla vigilia della gara in programma lunedì alle ore 20.45 allo stadio Marassi:

“A Genova sono sempre partite complicate, ci saranno momenti in cui bisognerà difendere bene perché loro prenderanno coraggio e saranno spinti dal pubblico. Dovremo essere molto bravi”, le prime parole del mister.

Spiccano le parole importanti spese dal mister per Moise Kean: “Sono molto contento, si è presentato molto bene. Ha fatto gol con il Barcellona, anche nell’ultima amichevole con la Primavera ne ha fatti due. Da sabato prossimo iniziamo a giocare ogni 3 giorni, c’è spazio per tutti».

Poi l’annuncio: «Domani Rabiot gioca. L’anno scorso ha fatto una stagione importante. Poi sul mercato, ci sono possibilità che i giocatori possono partire e società esterne vanno a chiedere se il giocatore dà la disponibilità o meno. L’anno scorso ha fatto una stagione ottima, io l’ho sempre considerato un giocatore della Juventus. Domani abbiamo due acquisti, Rabiot e Kean».

Gatti o Rugani al posto di Bonucci? “Sono contento di come sta giocando Gatti. Domani gioca uno tra lui e Rugani, sono sereno. La bilancia è pari. Domani tiro la monetina, se esce il gatto gioca Gatti, se esce un cane gioca Rugani. Per quanto riguarda Leo, lunedì a fine primo tempo era affaticato sul flessore e l’ho lasciato in campo. Era già deciso che domani non avrebbe giocato”.

Su Zakaria: “Sta bene. Col Sassuolo ha fatto una buona partita. Di mercato non parlo, da qui al 31 agosto mancano 10 giorni e può succedere di tutto e di più. Noi squadra dobbiamo pensare a preparare le partite, allenarsi nel migliore dei modi. Al resto penserà la società”.

Il mister non pare preoccupato delle tante partite che attendono la Juve: Non vedevo l’ora di tornare a giocare, più partite ci sono e più divertimento c’è. Viviamo per la partita, giocare ogni 3 giorni crea adrenalina e suscita curiosità. Ora inizia il bello, è anche divertente. A me non piace allenarmi tutta la settimana. Quando sento che il bello del calcio è da lunedì a sabato, io penso sia sabato e domenica”.

Su Kostic: “L’inserimento è buono. E’ un ragazzo intelligente, abbiamo fatto un buon acquisto. Deve integrarsi e conoscere i compagni. Ha qualità importanti, è un calciante. Quando arriva sul fondo crossa bene, dobbiamo essere bravi ad attaccare l’area. Gioca bene a calcio, passa la palla ad una velocità che mi ricorda Douglas Costa. E’ un giocatore di fatica”.

Questione lotta scudetto: Al momento il Milan sulla carta è favorito perché ha vinto. L’Inter si è rinforzata ed è candidata a vincere. Poi la stagione è lunga, noi dobbiamo pensare a noi stessi e migliorare il punteggio dell’anno scorso. Dobbiamo fare un passetto alla volta, noi non possiamo essere favoriti al momento per lo Scudetto. Dobbiamo stare in silenzio, per vincere le partite dobbiamo soffrire e non avere la presunzione di vincere facile. Dobbiamo essere in grado di star lì con le prime e, da gennaio in poi, essere in grado di lottare per lo Scudetto”.