Sconcerti: “La Juve ha preferito la certezza Di Maria all’incognita Dybala. Per questo l’ha scartato”

0
1883

Dopo un lungo periodo di riflessione l’attaccante argentino Angel Di Maria ha accettato la proposta della Juventus che impreziosisce così il suo reparto con un pezzo da novanta, richiesto espressamente da Massimiliano Allegri.

A parlare dell’imminente arrivo a Torino di Di Maria è il giornalista Mario Sconcerti che su calciomercato.com ha analizzato la scelta dei bianconeri di puntare su Di Maria, e lasciar andare Paulo Dybala.

Di Maria anche per un solo anno è un bell’acquisto. L’ingaggio è alto, 7 milioni netti, così ci si chiede perché quella cifra sia stata negata a Dybala commenta Sconcerti, che aggiunge: “Sono giocatori diversi. Di Maria nella sua lunga storia ha ottenuto il massimo. È stato sempre tra i migliori esterni del mondo. Dybala è uno splendido giocatore che, mentre l’età avanza, non è riuscito a lasciare ancora una traccia sicura della sua differenza. La si vede, si tocca, ma appare e scompare con la sua condizione”.

“In sostanza la Juve ha scelto il rendimento certo di Di Maria, a quello meno certo di Dybala – spiega Sconcerti. Un vecchio slogan del mercato che sento da almeno 50 anni è che non vanno mai presi i giocatori scartati dalla Juve. Se la Juve li lascia, vuol dire che è convinta di averli spremuti abbastanza. È ancora una buona idea, anche se, come tutti gli slogan, racconta solo una parte della verità. Ma la Juve è anche la squadra che meglio conosce le possibilità fisiche di Dybala, lo ha avuto e curato per otto anni. Aveva tutti i dati possibili per capire cosa stava lasciando. Se ha preferito Di Maria e rilanciato niente per Dybala, devo pensare siano stati quei dati a consigliare la strada”.