spot_img
spot_img
martedì, Dicembre 6, 2022

La verità scomoda profetizzata da Moggi: “Italia in crisi da quando qualcuno tolse di mezzo la Juve. Oggi CM.com conferma : “Juve in crisi uguale Italia in crisi: senza blocco bianconero la Nazionale crolla”

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

La profezia di Moggi non ha tardato a verificarsi: “Italia in crisi da quando qualcuno tolse di mezzo la Juve”.

La mancata qualificazione ai Mondiali in Qatar, la figuraccia nella “finalissima” contro l’Argentina e la debacle contro la Germania sono la prova di quanto denunciato da Moggi e ribadito oggi da Gianluca Minchiotti, giornalista di calciomercato.com.

Solo poche settimane fa Luciano Moggi, tramite le colonne di Libero, spiegava i motivi dei recenti fallimenti del calcio italiano.

“È dal lontano 2006 che stiamo soffrendo, da quando in quel di Berlino l’Italia vinse il titolo mondiale imbottita di giocatori juventini, quando la Juve era il volano del calcio nazionale. Poi qualcuno, a cui la squadra bianconera era poco simpatica, volle toglierla di mezzo con l’accusa di magheggiare sui campionati e, nonostante la sentenza del processo sportivo raccontasse «campionato regolare, nessuna partita alterata», radiò addirittura i suoi dirigenti, colpevoli di non aver commesso illeciti al contrario di altri, i cui illeciti furono scoperti solo quando erano andati in prescrizione e quindi non più perseguibili”.

E ancora denunciava Moggi: “Chissà il perché del ritardo… Da quel momento a pagarne le conseguenze è stato il calcio italiano, essendogli venuto a mancare l’apporto dei giocatori juventini: l’Italia al Mondiale, infatti, è stata eliminata due volte al primo turno e due volte non si è qualificata”.

E’ ora, dopo che l’Italia ha perso per 5-2 con la Germania il giornalista Gianluca Minchiotti fa notare che “una delle cose che saltano all’occhio è che questa storica sconfitta della Nazionale non vede tra i suoi protagonisti i giocatori della Juventus: fra titolari e cambi, infatti, non c’è alcun giocatore bianconero”.

Il giornalista di CM.com fa notare che questa “è la fotografia di una stagione e, se vogliamo, di un’epoca, che certifica sia la crisi degli azzurri che della Juve, reduce da due stagioni senza scudetto. Nel passato, anche recentissimo, l’equivalenza “blocco Juve forte uguale Nazionale forte e vincente” è stato invece dimostrato più volte…”

Le prove sono sotto gli occhi di tutti: Se guardiamo ai quattro Mondiali e ai due Europei vinti dall’Italia, c’è sempre stata una presenza juventina, in alcuni casi massiccia e determinante (Mondiali 1934, 1982 e 2006), in altri meno massiccia ma comunque fondamentale per la vittoria della Nazionale (Europei 2020). Guardando ai successi euro-mondiali degli azzurri, solo nel 1938 e nel 1968 la componente bianconera non è stata determinante. In tutte le altre occasioni lo è stata eccome”.

- Advertisement -