Chirico: “Dybala all’Inter? D’altronde nessun altro lo vuole”

0
1550

Inter e Dybala sempre più vicini. Una scelta molto criticata da una parte della tifoseria bianconera che certamente non si aspettava di vedere il suo ex numero 10 indossare la maglia dell’acerrima rivale.

L’argentino, che ha vestito per 7 anni la maglia dei bianconeri, ha dato l’addio a Torino a parametro zero, attirando l’interesse di Beppe Marotta, da sempre un estimatore di Dybala, come ha ricordato Marcello Chirico su ilbianconero.com.

“I contatti tra Paolino e Marotta sono costanti, il corteggiamento va avanti da anni e il DG interista è tra i principali estimatori di Dybala, se non addirittura l’unico ancora convinto sul valore del giocatore. Così com’è l’Inter l’unico club ad avergli fatto una proposta di contratto concreta, a 6 milioni di euro l’anno. Meno di quanto l’argentino incassa attualmente alla Juventus. Prendere o lasciare, anche perché al momento offerte da parte di altre società altrettanto titolate non ce ne sono“.

Come la prenderà la tifoseria? “A quelli che la pensano come il sottoscritto, e cioè che di uno come Dybala si può fare anche a meno, soprattutto quando oltre a non essere mai decisivo e parecchio anarchico in campo, è spesso ai box per malanni assortiti, l’addio peserà zero sottolinea Chirico, che poi parla dei dybalisti ad oltranza, quelli che lo considerano il più grande top player della storia bianconera dopo Del Piero e i tanti Palloni d’Oro bianconeri (per il quale Dybala non è nemmeno stato mai in corsa), penso che riusciranno a giustificarlo anche stavolta, perdonandogli pure la scelta di trasferirsi dal “nemico” più detestato di sempre”.

“Sono gli stessi che quando qualche juventino si permetteva di criticare Dybala, per la sua incostanza, il suo scarso carattere, i suoi capricci, i suoi stop continui, loro gli dicevano con disprezzo: “Vattene a tifare l’Inter!”. Adesso il loro idolo sceglierà proprio il club nerazzurro, magari anche per vendetta, ma per questi tutori della juventinità va bene così.
In effetti, tutta sta colpa Dybala non ce l’ha: oltre l’Inter, nessun altro lo vuole conclude.