spot_img
spot_img
martedì, Dicembre 6, 2022

Pogba, messaggio alla Juve: “Quando l’ambiente mi ama do il meglio”. Bianconeri unici ad averlo amato davvero

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Paul Pogba ha parlato anche del suo futuro ai microfoni di ‘Uninterrupted’.

Se sono in sintonia prima di tutto con la squadra, con i tifosi, con il club che ti conosce e ti ama, io come tutti i giocatori posso dare il meglio” ha dichiarato il centrocampista francese.

Se sei libero mentalmente e ti diverti, performi. Devi essere a tuo agio dove giochi e con le persone con cui giochi. È la cosa più importante”. Con queste parole, Paul Pogba, apre la sua intervista ai microfoni di ‘Uninterrupted’.

Tutti vogliono sentirsi amati, tutti ne hanno bisogno”, ha proseguito il ‘Polpo’.

E ancora: “Crescendo è sempre bello sentirsi gratificati. E anche quando sei grande è bello sentire che le persone apprezzano chi sei e cose che fai, che sei felice. Ogni tanto capita di non sentirsi bene con se stessi e quando qualcuno ti viene a dire “tranquillo, va tutto bene, può succedere” ti dà una grande spinta. È importante sentire certe cose dai propri compagni di squadra. E poi tu puoi aiutarli a tua volta”.

Sul suo ritorno alla Juventus: “Sto prendendo il mio tempo, pensando, unendo i vari pezzi. Voglio solo il meglio, voglio giocare a calcio ed essere me stesso. Voglio divertirmi a fare ciò che faccio, altrimenti non posso performare al meglio. Non voglio pensare negativo. Si può perdere una partita o un trofeo, ma devi essere a posto con te stesso e divertirti. È questo che sto cercando. La mentalità è tutto”.

Pogba ha poi spiegato che il suo obiettivo è riuscire ad affermarsi come esempio positivo per le nuove generazioni:

“Il calcio mi ha dato l’opportunità di essere chi sono oggi. Sono diventato un esempio per tante persone, prima di tutto per i bambini. Quello che faccio ha un grande impatto su di loro e mi dà l’opportunità di essere più di un semplice giocatore. Voglio essere un esempio, una leggenda dentro e fuori dal campo”.

“Alla fine sono queste le cose che restano: in campo arriveranno nuovi giocatori, ciò che resta è anche ciò che costruisci fuori dal campo. Voglio lasciare un’eredità”.

- Advertisement -