Fagioli: “Percepisco che alla Juve c’è stima nei miei confronti”

0
543

Nicolò Fagioli, reduce da un gra campionato con la maglia della Cremonese a rilasciato una lunga intervista a La Repubblica.

Alla Cremonese ho fatto il regista, il rifinitore e la mezzala: è la posizione ideale, come quella del mio modello Modric”.

Obbiettivo tornare alla Juve: “Al futuro non voglio ancora pensare, vengo da 9 mesi lunghi e bellissimi. Mi sono fatto due settimane di riposo e adesso penso all’Under 21, poi vedremo. Alla Cremonese resterei volentieri“.

E ancora: “Io percepisco che alla Juve c’è stima nei miei confronti. La frase di Allegri (“Vedere Fagioli giocare è un piacere”, ndr.)? L’ho imparata a memoria e col tempo mi è quasi venuta a nausea, anche perché poi la gente pensa subito che tu voglia fare il fenomeno e ti mette pressione. No, queste cose non me le aveva dette di persona, però avevo capito che le pensava”.

Tornando al passato: “Io volevo giocare, mi interessava giocare. Avevo fatto la preparazione estiva con la prima squadra ma sapevo che sarebbe arrivato Locatelli, oltretutto da campione d’Europa: avrei avuto poco spazio, se fossi rimasto”.

AMBIZIONI – “Vorrei vincere la Coppa del Mondo nel 2026. Se piano piano ci mettiamo tutti a lavorare per il bene del calcio italiano, ce la possiamo fare. In fondo, chi pensava che nel 2006 avremmo vinto noi?”.