Pistocchi: “Crisi Serie A? Lo spettacolo, tanto vituperato da Allegri, è fondamentale”

0
940

C’era una volta e oggi non c’è più una Serie A avvincente, capace di attirare i migliori giocatori del mondo. Dopo 20 anni sotto i riflettori, il campionato italiano si è avviato verso il declino, incapace di intercettare il cambiamento e l’evoluzione del calcio europeo.

A parlare del momento di crisi vissuto dal calcio italiano nell’Europa che conta, il giornalista Maurizio Pistocchi ai microfoni di Radio Punto Nuovo. “Dobbiamo tornare capaci di creare talenti italiani. I diritti tv della Premier valgono 6 miliardi di euro, quelli della Serie A faticano ad arrivare a 900 milioni. Lo spettacolo, tanto vituperato da Allegri, è parte fondamentale della vendita del prodotto calcio italiano. Spettacolo composto dalla qualità delle squadre e di tutto il contorno, comprese le strutture ha commentato il giornalista, che ha poi aggiunto una severa critica rivolta ai rossoneri:

“I tesserati del Milan hanno festeggiato lo scudetto in maniera totalmente errata, secondo l’etica del calcio. Insulti alle madri degli avversari, termini deplorevoli. La qualità del prodotto dipende anche questo e se succedono cose come queste, non possiamo lamentarci se il nostro calcio da un’idea di arretratezza“.