Tensione negli spogliatoi dopo Juve-Inter: Lite tra Agnelli e Nedved. Il motivo

0
1626
Juventus Vice President Pavel Nedved (L) and Juventus FC President Andrea Agnelli (2ndL) look on before the Italian Serie A football match between Juventus and AC Milan at the Juventus stadium in Turin, on September 19, 2021. (Photo by Isabella BONOTTO / AFP) (Photo by ISABELLA BONOTTO/AFP via Getty Images)

La Gazzetta dello Sport tra le sue colonne parla di tensione nello spogliatoio dello Juve dopo la sconfitta nella finale di Coppa Italia contro l’Inter.

Una sconfitta che non è andata giù soprattutto a Pavel Nedved che si è scagliato prima contro Allegri e poi contro il presidente Agnelli, sotto gli occhi del resto della dirigenza.

Il motivo? la diversità di vedute sul lavoro svolto da Allegri. Il vice presidente bianconero che non è mai stato un estimatore di Allegri fa ancora fatica ad accettare il ritorno del tecnico mentre invece Agnelli difende a spada tratta Max.

Nedved ritiene che dopo il vantaggio la Juve sia stata troppo rinunciataria e difensiva e per questo ha puntato il dito contro il mister ancora nervoso per l’espulsione. Il ceco non ha digerito le scelte dell’allenatore e in particolare le sostituzioni: sul 2-1 per i bianconeri, la decisione di puntare su Bonucci per Bernardeschi.

Nedved ha preso spunto dall’ultimo episodio per criticare l’intera annata e la gestione targata Max.

Poi la discussione si è spostata in albergo dove Nedved si è scagliato appunto contro il presidente Agnelli. L’oggetto ancora una volta è stato il rendimento della squadra e in particolare di Allegri.