Cagliari-Juve, l’ex Langella accende il match : “Io espulso per colpa di Calciopoli”

0
1290

Non c’era modo peggiore da parte dell’ex cagliaritano Antonio Langella che infuocare il match Cagliari-Juventus, tirando in ballo Calciopoli.

Ebbene si, nonostante la Juve sia stata letteralmente giustiziata dagli arbitri nell’ultima gara di campionato, l‘ex Cagliari torna al 2006, anno in cui appunto esplose Calciopoli, e rievoca un precedente ai microfoni di Tuttocagliari.net:

“Andammo in vantaggio su rigore che venne provocato da un fallo di Zambrotta su di me lanciato verso la porta”, ricorda Langella.

Poi “nel secondo tempo Ayroldi fece di tutto per far pareggiare la Juventus. Gli concesse un rigore scandaloso, e concesse un lunghissimo recupero. Nell’ultima azione, poi, concesse un calcio d’angolo inesistente e lo fece battere nonostante il recupero fosse già finito. Cannavaro saltò altissimo e pareggiò”.

A quel punto, secondo la teoria complottista dell’ ex giocatore del Cagliari “perdemmo un po’ tutti la testa: andammo tutti attorno ad Ayroldi per fargli capire che il recupero era già terminato, ma lui non volle saperne. Nella calca generale qualcuno spinse Alessandro Agostini addosso ad Ayroldi, lui si girò e mi espulse, pensando fossi stato io a colpirlo volontariamente”.