spot_img
spot_img
giovedì, Dicembre 8, 2022

Dybala non rinnova. I tifosi si riversano sui social della Juve

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Dybala non rinnova. Una notizia che ha colpito i tifosi bianconeri che hanno sperato fino all’ultimo in una conclusione diversa dell’avventura della Joya a Torino.

Ad aggiungere dispiacere ai tifosi, un tweet pubblicato dalla Juve sul suo profilo Twitter in cui ha inserito quattro scatti della partita contro la Salernitana e l’assente eccellente, neanche a dirlo, è proprio Dybala, autore del primo dei due gol, che non figura in nessuna delle immagini. Cancellato.

Un gesto che non è piaciuto ai sostenitori dell’attaccante argentino che si sono riversati sui social della Juventus per manifestare la loro delusione per il mancato rinnovo del numero 10. Moltissimi i commenti, in cui non sono mancati insulti, contro Massimiliano Allegri, accusato di aver illuso giocatore e tifosi dichiarando di ritenere Dybala al centro del suo progetto, e contro la dirigenza bianconera, colpevole di non essere andata incontro alle richieste dell’argentino.

“Vergogna! Uno come Dybala va tenuto stretto“, “Per la prima volta mi vergogno della mia squadra. Licenziate quell’incapace che sta in panchina piuttosto”, “Tenetevi stretti De Sciglio, Bernardeschi, Rabiot, Arthur, Alex Sandro, Rugani… i veri campioni non li meritate“, “Già soffrivo vedere giocare la Juve di Allegri!”, “Come avete fatto fuori Dybala, mi aspetto che facciate fuori anche tutti i pesi morti che prendono uno sproposito rispetto a quanto rendono…”, sono solo alcuni dei commenti dei delusissimi tifosi, che hanno poi rivolto parole d’amore al loro numero 10, su tutti: Sono stati 7 anni bellissimi, grazie di tutto“.

C’è chi si augura: Spero che non vada all’Inter!”, e c’è chi di rimando replica: Per come lo hanno trattato, perché no”.

Non mancano i nostalgici del capitano, l’ex numero 10 Alessandro Del Piero e c’è chi rimarca le differenze: Contratto firmato in bianco, sceso in B da campione del mondo, mai una parola post panchina o post sostituzione, ha giocato da campione la sua ultima stagione pur sapendo di non rimanere. Lui e nessun altro. Il resto sono figurine”.

- Advertisement -