giovedì, Dicembre 1, 2022

Cobolli Gigli: “Agnelli si è circondato di ‘fedeli’, che però fedeli non erano, come Marotta”

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

L’ex presidente della Juventus Giovanni Cobolli Gigli, ai microfoni di 1 Football Club ha commentato l’amara eliminazione dei bianconeri in Champions League, dopo la sconfitta in casa contro il Villarreal.

“Nella prima parte della partita ho avuto l’impressione che i giocatori ci credessero davvero, mentre nel secondo tempo la Juventus è stata più attendista, ha giocato meno bene e ha trovato meno occasioni. Queste sono lezioniha commentato Cobolli Gigli che ha poi aggiunto: “Non essendoci più partite europee, in campionato potrebbe esserci un vantaggio, visto che non ci saranno ulteriori sforzi. Spero che resti la determinazione e che la Juve porti avanti le prossime partite come deve.

Cobolli Gigli ha poi aggiunto un commento sul presidente Andrea Agnelli, che in molti ritengono il vero responsabile di questa cocente eliminazione: “Anche se siamo sempre stati distanti, forse pensava che io appartenessi ad un altro partito all’interno della società. Ma non è così, perché io con il padre ho sempre avuto un rapporto magnifico ha commentato l’ex presidente, che ha poi aggiunto: “Ultimamente ha le idee offuscate. Forse si è circondato di fedeli‘, che però fedeli non erano… mi riferisco a Marotta, tanto per fare un esempio”.

L’acquisto di Vlahovic è la cosa migliore della sua gestione, è un investimento coraggioso. Se questa decisione l’ha presa Andrea, allora gli vanno fatti i complimenti. Tutte le sue altre decisioni sono state molto meno giuste” ha concluso.

- Advertisement -