Juve-Spezia, Chirico: “Juve rinunciataria, ma l’importante ora è saper gestire il 4° posto”

0
534

La Juventus soffre ma porta a casa un’altra vittoria che allunga la serie di risultati positivi: sono 14 le partite senza sconfitte in campionato (9 vinte e 5 pareggiate). Una vittoria importante ma una prestazione carente, secondo Marcello Chirico, che su IlBianconero ha commentato a caldo l’1-0 allo Spezia.

“Una partita di grandissima sofferenza – ha sottolineato il giornalista. Certamente positiva. L’apoteosi del corto muso, questa è la vittoria di Minnesota. Un secondo tempo inguardabile. Nel primo tempo ha cercato il vantaggio subito, l’ha trovato e ha avuto l’opportunità di fare un secondo gol. Ma dal primo all’ultimo minuto del secondo tempo, pessimo. Quasi tutto in mano allo Spezia, che per fortuna non ha giocatori in grado di andarsi a prendere il pareggio. E ringraziamo ancora Szczesny che ha fatto un paio di parate clamorose”.

“Una partita troppo rinunciataria nel secondo tempo. I voti preferisco non darli, ma Rabiot e Arthur non mi sono piaciuti nemmeno questa volta. E poi per una squadra che si chiama Juve e non tira quasi niente in porta nel secondo tempo, è troppo poco. Però l’importante è essere adesso a +6 sull’Atalanta, o +3 contando che batta il Torino, ma è davanti. È davanti e deve sapersi gestire il quarto posto“.

Chirico ha poi concluso con una nota ironica: “Lo scudetto? Non lo nominate nemmeno. Non è in grado questa squadra di andare a prendere quegli altri tre. A meno che non muoiano“.