Inter, la UEFA apre un procedimento per la violazione dei termini del FFP

0
4469

Violazione dei termini del Fair Play Finanziario al 31 giugno 2021. Di questo è accusata l’Inter che ha comunicato di aver ricevuto dall’UEFA, in data 14 febbraio, una comunicazione riguardante l’apertura di un procedimento.

Il club nerazzurro fa sapere di aver fornito alla UEFA i propri conti economici, fino a giugno 2021, in accordo con quanto previsto dalle regole del FFP.

L’Inter spiega come dai numeri si è potuto notare come non siano stati soddisfatti i requisiti per l’ormai famigerato “break-even” (perdita massima di 30 milioni di euro nei bilancio del periodo di tempo preso in considerazione). Per questo l’Uefa ha richiesto di ulteriori informazioni sui bilanci dell’Inter.

La Prima Camera del Club Financial Control Body ha dimostrato un notevole deficit economico nel periodo di tempo preso sotto osservazione (stagioni 2018-19-20 e 21), e, a fronte di ciò è giunta la richiesta delle previsioni economiche più aggiornate in vista della fine di questa stagione. A tal fine Marotta e Antonello hanno fornito le delucidazioni il 20 gennaio 2022.

L’audizione a Nyon è prevista per il mese di marzo. Nel frattempo l’Inter rigetta le accuse  affermando la condizione di non rispetto dei parametri di break even è comune alla maggior parte dei club in Europa.