Del Piero: “Scudetto? Ogni domenica sarà decisiva. Ma la Juve c’è”

0
471

La Juventus batte 2-1 il Sassuolo, passa il turno e si prepara ad affrontare la Fiorentina in semifinale di Coppa Italia. A commentare il match anche l’ex capitano bianconero, Alessandro Del Piero negli studi di Sky Sport.

“A tratti ho rivisto un po’ la Juve che arrivò in fondo alla Champions, con Dybala e un attaccante centrale, con Morata alla Mandzukic ha commentato Del Piero, che ha poi aggiunto:Morata non molla mai, si sacrifica, ha tanta corsa ed è veloce e volenteroso”.

“Se Allegri ha la possibilità di tenere tutti gli attaccanti in campo deve farlo”. Del Piero ha ammesso: “Farli giocare tutti e tre insieme non è semplice. Però Vlahovic dà la mentalità di attaccare, mentre finora Allegri si era concentrato a dare solidità. In queste condizioni la Juve ha più soluzioni non solo in attacco”.

Chiesa? Non lo metterei come attaccante, ma come centrocampista avanzato – ha risposto. È la sua posizione e non si scontrerebbe con gli altri”. L’ex capitano bianconero ha poi aggiunto un commento sulla spinosa questione del rinnovo di Dybala: La Juve e Dybala devono trovare una soluzione per andare d’accordo. Magari entrambe dovranno rinunciare a qualcosa, ma ci sono le condizioni per fare bene. Dybala va rinnovato per questioni tecnico tattiche e per il suo valore. A meno che la Juve non abbia altre sorprese come quella di Vlahovic“.

“A Vlahovic avrei consigliato un altro numero di maglia, ma anche questo sta a significare la personalità del ragazzo – ha sottolineato Del Piero. Non ha paura di niente. Ha iniziato con due gol, si aspetteranno che segni ogni domenica. Alla Juve può farlo, le occasioni le ha”.

Infine un commento sulla lotta scudetto: Ogni domenica sarà decisiva. La Juve c’è. È in grado di poter vincere 6-7 partite di fila? Per me ora . In inverno non lo era. Quando vinci 6-7 partite di fila cambia tutto, la lotta può diventare uno contro uno. Oggi abbiamo visto l’Atalanta in difficoltà, Zapata sarà fuori. La Juve può vincere e l’Inter perdere a Napoli. E c’è la possibilità che la Juve da lì in poi possa inanellare una serie positiva. Questo cambierebbe i giochi”.