Doppia utenza DAZN: come cambia l’abbonamento e da quando

0
333

“Le nostre condizioni di servizio stabiliscono chiaramente che l’abbonamento è personale e non cedibile, la concurrency consente di vedere contenuti in contemporanea su più dispositivi. Dal nostro monitoraggio abbiamo invece riscontrato che la funzionalità è sfruttata in modo scorretto da utenti che mettono in vendita una delle due utenze. Un cambiamento sarà quindi possibile, probabilmente dalla prossima stagione“.

Come preannunciato nei giorni scorsi da Veronica Diquattro, amministratore delegato di DAZN, la piattaforma cambierà la sua offerta e la possibilità di condividere l’abbonamento, rivedendo le opzioni per la doppia utenza che permette di far vedere anche lo stesso contenuto a due utenti collegati a due device diversi ma con lo stesso account e lontane l’una dall’altra.

Secondo quanto riportato da il Corriere della Sera la novità, circolata nelle scorse settimane come indiscrezione, è stata confermata a partire dalla prossima stagione 2022-2023.

Dalla prossima stagione l’unica possibilità per condividere l’abbonamento DAZN sarà in famiglia‘, collegando due device alla medesima rete fissa nella stessa casa (la visione condivisa sarà possibile sostanzialmente soltanto ad utenti connessi alla stessa rete fissa ip). Niente doppia utenza, dunque, almeno su due reti wifi o cellulari differenti. A meno che non si decida di optare per un abbonamento diverso, che con ogni probabilità avrà un costo più alto.

L’attuale prezzo dell’abbonamento mensile a DAZN è di 29,99 euro. Presumibilmente l’emittente satellitare seguirà le politiche di offerta commerciale delle altre piattaforme streaming che permettono l’utilizzo a più persone (stesso account mail, ma più apparecchi collegati contemporaneamente) pagando un sovrapprezzo, che si conoscerà quando la piattaforma avrà annunciato la formula dedicata alla prossima stagione.