De Zerbi: “Locatelli alla Juve, un inserimento naturale”

0
1443

L’ex allenatore del Sassuolo, Roberto De Zerbi, oggi tecnico dello Shakhtar Donetsk, nel corso di un’intervista a il Corriere dello Sport ha parlato di diversi argomenti tra cui il trasferimento alla Juventus del centrocampista Manuel Locatelli, cresciuto con lui al Sassuolo.

35 i milioni di euro di investimento della Juve per ingaggiare Locatelli dal Sassuolo, cifra che il centrocampista sta già ripagando con gli interessi: In campionato le sue due reti hanno fruttato 6 preziosi punti contro Sampdoria e Torino, due vittorie fondamentali per il rilancio della Juve dopo un incerto inizio di stagione.

Le parole di De Zerbi su Locatelli: “Ha una sensibilità non comune e una sana consapevolezza di sé. E sottolineo sana. Non si tratta di presunzione, possiede quel pizzico di narcisismo che serve, si sente il più forte di tutti e sa gestire bene questo aspetto. È di una maturità fuori dal comune. Il suo ingresso nella Juve è stato fin troppo naturale. Loca è malato di calcio, farlo star fuori il martedì alla ripresa degli allenamenti era impossibile. Voleva sempre lavorare”.

“Quando dico che la differenza la fa la passione, lo porto a esempio. In Europa pochissimi giocano a un tocco come lui, prima di ricevere la palla sa già dove e a chi indirizzarla. E poi in tre anni non gli ho mai visto perdere un contrasto. Quando lo chiamai per convincerlo a venire a Sassuolo, fissammo insieme l’Europeo come obiettivo, l’ha voluto e ottenuto, ha concluso.