Sassuolo-Inter, Padovan: “Se Pairetto non avesse sbagliato, sarebbe finita in un altro modo”

0
2184

L’Inter vince tra le polemiche arbitrali, battendo per 2-1 in rimonta il Sassuolo. Per molti una vittoria ottenuta anche grazie all’arbitro Pairetto, che ha mancato di sanzionare un intervento che sta facendo discutere.

Al 45′ Handanovic tocca l’attaccante del Sassuolo Defrel con il piede sinistro e con il gomito, fuori dall’area. Il francese cade a terra, l’arbitro Pairetto non va nemmeno a rivedere il contatto al VAR e non lo sanziona. Una chiara occasione da gol, vista la porta sguarnita. Grandi le polemiche per la differente la decisione dello stesso Pairetto nel corso di Roma-Fiorentina della prima giornata, quando per un caso analogo espulse il portiere viola Dragowski.

A commentare la sfida Giancarlo Padovan su CalcioMercato.

“L’arbitro Luca Pairetto e il tecnico Simone Inzaghi aiutano l’Inter a cambiare la partita con il Sassuolo, così i nerazzurri prima pareggiano con Dzeko e poi vincono con un rigore, assolutamente legittimo, di Lautaro Martinez.

Cosa c’entra, allora, l’arbitro Pairetto chiede Padovan, che poi aggiunge C’entra molto, perché in una partita quasi impeccabile, alla fine del primo tempo, non sanziona un’uscita fuori area di Handanovic su Defrel, lanciato a rete da un retro passaggio corto di De Vrij. Il portiere interista, per la verità, cerca di non ostacolare la corsa dell’avversario ritraendosi all’ultimo istante, ma nonostante tutto, lo tocca con il gomito e con un piede“.

“Come minimo doveva essere fischiato il fallo – osserva Padovanper danno procurato con la conseguente punizione (cancellata una chiara occasione da rete) e il cartellino rosso per Handanovic. Invece, al culmine delle proteste dei giocatori del Sassuolo, Pairetto non ha trovato di meglio che fischiare la fine del primo tempo”.

“Finisce 1-2, però se Pairetto non avesse sbagliato, sarebbe finita in un altro modoconclude Padovan.