Sconcerti: “Era la superbia di base il vero problema della Juve”

0
1100

Mario Sconcerti ha scovato quello che è stato il vero problema della Juventus negli ultimi due anni.

Leggo sulla Juve molte cose che non condivido. Non è stata una partita bella, è stata una partita unica. Nessuno pensa che la Juve possa giocare così in campionato, sarebbe impossibile”, sentenzia in premessa il giornalista tra le colonne di Calciomercato.com.

Qui la Juve deve fare la partita, sempre. Proprio per questo è una partita che non risolve molto, porta solo tre punti pesanti in Champions, peraltro dentro un girone tutt’altro che impossibile”.

Sconcerti riferisce a tal proposito che i più insoddisfatti erano proprio gli juventini, arrossiti dalla partita difensiva della propria squadra:

Non è stata capita una cosa: la bellezza della partita sta certamente nel risultato, ma soprattutto nell’atteggiamento della Juve, nell’umiltà con cui l’allenatore ha spiegato che si poteva giocare solo così per vincere perché l’avversario era superiore”.

Dunque, era questa superbia di base il vero problema della Juve, quella che la faceva considerare inallenabile”.

In definitiva, secondo Sconcerti “oggi la squadra ha accettato se stessa, la differenza con gli avversari. Ha studiato come batterli e c’è riuscita. Segno di nuova considerazione in se stessi e nel tecnico. Segno di essere tornati un’unica cosa. Non è una svolta di gioco, è molto di più, è un ritorno all’umiltà delle origini. La vera base di qualunque Juve”.