Pjanic al Besiktas: “Non potevo accettare ancora la situazione vissuta al Barcellona”

0
1508

Sfumata la possibilità di fare ritorno a Torino, per il centrocampista Miralem Pjanic si è presentata la possibilità di volare in Turchia per entrare a far parte del Besiktas. Il bosniaco ha parlato del suo trasferimento, e si è tolto qualche sassolino dalla scarpa, nel corso di un’intervista al quotidiano spagnolo Marca, al quale ha confessato Non potevo accettare una situazione come quella che ho vissuto l’anno scorso“.

“Ancora oggi non so cosa volesse esattamente Koeman, non ha mai cercato di spiegarmi le cose, né di trovare una soluzione – ha confessato Pjanic. Non mi ha mai dato risposte. Il tempo passava, la situazione peggiorava, ma senza motivo. È una cosa molto difficile da capire. Quando non giochi è difficile star bene fisicamente e mentalmente, perché l’allenatore uccide la tua fiducia, perché non hai comunicazione con lui. Io sono un giocatore che può accettare tutto, ma voglio sempre che mi si dicano le cose in faccia, non come se non stesse succedendo nulla, come se avessi 15 anni“.

Pjanic ha poi aggiunto Ero molto felice alla Juventus, un club straordinario. Ma il Barcellona passato due anni a cercare di ingaggiarmi senza riuscirci e non potevo dire no. Quando ho firmato per il club blaugrana ho sentito l’emozione di chi sta andando in una squadra dove tutti i bambini sognano di giocare, ed ero orgoglioso”.

Sulle voci di un possibile ritorno alla Juventus, Pjanic ha commentato: “Sì è vero. C’erano diverse possibili trattative ma il momento non è semplice. Pochi club hanno potuto fare un gran mercato, praticamente solo il Paris Saint-Germain, non so come abbiano fatto. E poi i club di Premier League. In Spagna e in Italia poca roba”.