Christillin: “Togliere la medaglia dal collo, gesto di chi non sa perdere. È come fossero caduti dal decimo piano”

0
2738

Evelina Christillin, Consigliera UEFA, al quotidiano il Mattino ha commentato la bella vittoria dell’Italia sull’Inghilterra nella finale di Euro 2020, che ha assegnato agli Azzurri di Mancini la coppa di Campione d’Europa.

Un’Inghilterra rimasta a mani vuote e che ha mostrato il peggio di sé, anche a causa del comportamento sia dei giocatori, che si sono sfilati la medaglia subito dopo la premiazione, che dei tifosi che hanno fischiato i loro stessi giocatori a seguito dei mancati rigori.

Una brutta immagine, secondo la Christillin: “Certi atteggiamenti a Wembley si sono commentati da soli. Togliere la medaglia dal collo gesto di chi non sa perdere. Lo stile british a Wembley ce l’aveva Mattarella, il gesto degli inglesi di togliersi la medaglia mi ha colpito. Sono stata atleta anche io, conosco benissimo la delusione, però la medaglia te la tieni“.

Gli inglesi pensavano di aver già vinto la finale – ha continuato – per loro perdere è stato come cadere dal 10° piano. Hanno fischiato anche i giocatori della loro squadra dopo gli errori, oltre agli insulti per i rigori falliti. Si è superato il limite e la colpa è di un certo utilizzo dei social”.

L’immagine che rimarrà di questo Euro 2020: “Le lacrime di Mancini e l’abbraccio con Vialli sono stati i momenti più belli di questo Europeo”.