Scudetto perso in albergo, Sarri: “I giocatori piangevano per le scale. Finito un sogno, dopo quegli episodi che abbiamo visto”

0
1744

Sono ancora scolpite nella mente dei tifosi le parole di Maurizio Sarri dopo lo scudetto mancato del suo Napoli nella stagione 2017/2018: “Abbiamo giocato contro la Fiorentina con la morte nel cuore, il contraccolpo c’è stato. Direi che lo scudetto l’abbiamo perso in albergo a Firenze”.

La storia parla di una Juventus uscita vittoriosa dalla sfida in casa dell’Inter, e la successiva decisiva sconfitta del Napoli a Firenze, che cucì lo scudetto sulla maglia dei bianconeri.

A tornare sul doloroso ricordo dello scudetto perso in albergo – frase che fece il giro d’Italia e scatenò l’ironia dei tifosi avversari – è stato lo stesso Sarri, nel corso di un’intervista rilasciata nelle scorse ore a SportItalia:

“Tutti quelli che fanno sport sanno a cosa mi riferisco. Poi ci si può costruire sopra qualsiasi sfottò, la realtà è che la squadra ha visto uno spiraglio aperto e se l’è visto chiudere in due minuti. Chi ha vissuto quella notte in albergo sa a cosa mi riferisco. Quando sono salito in camera ho visto giocatori piangere per le scale. C’è stato un contraccolpo feroce, come se fosse finito un sogno, dopo quegli episodi che abbiamo visto“.

Il riferimento è senza dubbio all’episodio stranoto del mancato rosso a Miralem Pjanic nel corso di Inter-Juve, sul quale nel corso degli anni ci sono state numerose polemiche, che a distanza di tre anni non accennano a placarsi.