Moggi: “Agnelli è e rimarrà il Presidente della Juventus”

0
930

Dopo l’effetto mediatico negativo, dovuto al naufragio del progetto della Superlega voluto fortemente da Agnelli e dopo la valanga di letame rovesciata da diversi giorni sul presidente della Juventus da ogni parte del mondo, in molti ora (soprattutto tra i detrattori della Vecchia Signora) chiedono la testa del presidente.

Ma secondo l’ex direttore generale della Juventus Luciano Moggi, che conosce bene le dinamiche dell’ambiente societario bianconero, quanto auspicato dai nemici della Juve non sarà così automatico, tant’è che lo stesso Moggi sentenzia sui social che “Agnelli è e rimarrà il Presidente della Juventus”.

Ci pare anche a noi inverosimile che Agnelli, colui che ha regalato lo Stadium alla Juve (grazie ad una felice intuizione di Moggi negli anni precedenti) e che ha portato la Juventus a vincere nove scudetti di fila, conditi da due finali di Champions League possa essere rimosso da Elkann il quale certamente era al corrente delle intenzioni di Agnelli sulla Superlega.

Certamente le riflessioni si stanno facendo e si faranno, ma molto probabilmente prima di prendere delle decisioni garibaldine la questione sarà fatta decantare.

La strategia in casa Juve è certamente quella di aspettare la fine del campionato anche perché c’è ancora in ballo la conquista della Coppa Italia ed un posto Champions da conquistare.

Solo qualora saltasse la conquista dell’Europa che conta, potrebbe paventarsi il rischio di una rivoluzione societaria che riguarderebbe non soltanto Andrea Agnelli ma tutto il management e la sezione sportiva: da Nedved a Paratici, sino a Pirlo e Ronaldo.