Super Lega, Andrea Bosco replica a Sconcerti: “In Italia c’è chi vorrebbe far fare ad Agnelli la fine di Giordano Bruno. John Elkann sostiene il cugino”

0
929

L’editorialista di Tuttojuve Andrea Bosco nel suo editoriale a commento della notizia relativa alla costituzione della Super Lega da parte dei top club europei (Juve-Milan e Inter compresi) ha risposto a Mario Sconcerti secondo il quale nel super-campionato il piazzamento della Juventus sarebbe tra il 6° e il 9° posto.

Concordo” – risponde piccato Andrea Bosco. “Ma importerebbe davvero? Il titolo della Juventus pur dopo la sconfitta con l’Atalanta e la qualificazione alla Champion’s a rischio – effetto Superlega – si è apprezzato dell’17,85 %. Andrea Agnelli è diventato inviso al mondo del pallone per la sua iniziativa”, afferma il giornalista.

“In Italia c’è chi vorrebbe bruciare l’eretico presidente della Juve in piazza come Giordano Bruno. E c’è chi paventa disastri per gli affari della Real Casa. Ma anche gli juventini comprano Audi, Bmw e Mercedes”.

Mi chiedo, – prosegue Bosco – è verosimile che una iniziativa del genere Andrea Agnelli l’abbia portata avanti senza l’assenso del cugino? L’azionista di maggioranza della Juve è John Elkann. Qualcuno (facciamo la politica?) lo avesse dimenticato, la Juventus è una società per azioni. I suoi “ristori“ si chiamano “ricapitalizzazioni“ . Benché venga fatta passare per una guerra di “religione“ questa è una cruda vicenda economica. Dove a contare è il business. Dove, come spiegava il senatore Evangelisti alla sua corrente andreottiana: “Er più pulito c’ha la rogna“, conclude l’ex giornalista del Guerrin Sportivo .