Ziliani sull’espulsione di Ibra: “Se Ronaldo dà un calcio in faccia a Cragno, continua a giocare…”

0
3341

Nervi tesi nel secondo tempo della sfida Parma-Milan, terminata 3-1 per i rossoneri. Al 60′ minuto di gioco, infatti, l’arbitro Maresca ha estratto il cartellino rosso per lo svedese Zlatan Ibrahimovic, che si è lasciato scappare qualche parola di troppo nel corso delle proteste a seguito dello scontro con Kucka.

Un episodio che ha portato il giornalista Paolo Ziliani a fare un parellelismo con un’altra situazione che nei giorni scorsi ha visto protagonisti Cristiano Ronaldo e Alessio Cragno nel corso di CagliariJuventus: al 13′ della sfida, il portiere del Cagliari va giù a seguito di un contrasto con il portoghese entrato a gamba alta. Un’azione riconosciuta involontaria e punita dall’arbitro Calvarese con un giallo.

Il commento di Ziliani su Twitter:

“Il calcio italiano è quella cosa che se Ronaldo dà un calcio in faccia a Cragno, Calvarese non lo caccia e Ronaldo continua a giocare e a segnare; se invece Ibra (stupido eh!) dice una cosa all’arbitro, Maresca lo caccia, la partita cambia, arriva la squalifica”.

Parole che hanno richiamato i commenti dei tifosi juventini, tra cui:

“È inutile. Si sta giocando Parma-Milan, ma l’ossessionato Ziliani riesce comunque a mettere in mezzo la Juventus“.

“Quando saprai cosa ha detto Ibra all’arbitro, allora potrai fare questa affermazione”

“Potevi metterlo a confronto con un episodio simile (Ibra – Lukaku) ma niente, hai deciso di rendere inutile questo post confrontandolo con un altro giocatore ed un episodio totalmente diverso“.