L’Inter presenta il suo nuovo logo. Le reazioni dei tifosi: “È quello della Volkswagen, capovolto”

0
1165

Nelle scorse ore l’Inter ha presentato ufficialmente il suo nuovo logo, il quindicesimo nella storia del club, che si differenzia dal precedente per l’acronimo formato soltanto dalle lettere I e M, di Inter Milano, che è il nome che d’ora in poi verrà usato per abbreviare il nome completo, FC Internazionale Milano.

Una svolta stilistica che ha spiazzato i tifosi e scatenato le loro critiche e la loro ironia sui social, dato che il nuovo logo (lettere bianche su sfondo circolare blu, racchiuse da un bordo nero), ricorda clamorosamente quello della nota casa automobilistica Volkswagen.

Molte le critiche e gli sfottò rivolti al club nerazzurro, accusato di poca fantasia e costretto a imitare marchi già esistenti:

“Nuovo logo dell’Inter. Ah, no, è quello della Volkswagen, capovolto

“Considerando che il logo dell’Inter è copiato da quello della Volkswagen di 20 anni fa, non so quanto possa essere definito moderno”

“È il logo più originale della storia del calcio, io proporrei di citare la Volkswagen per plagio“.

E non manca chi se la prende con la proprietà cinese:

“Colpo di grazia finale dei cinesi, il logo da bancarella. Fine ingloriosa

“Un branco di cinesi che arriva dal niente e cambia il logo di una delle società più rappresentative d’Italia. La storia con ‘sto logo non c’entra niente”

“Bello pensare che ricorderemo Suning per questo logo orrendo, i ritardi stipendiali, il non mercato e l’assenza del presidente, trofei zero per ora e uno scudetto, nel caso, non certo per meriti loro!”

“Mio padre, interista lucido: “630 milioni di debiti, nuovo logo orrendo, quarta maglia fatta da un bambino delle elementari, se vedo Zhang lo stiro con l’auto, ha rovinato l’Inter

“Praticamente il nuovo logo Inter lo hanno presentato per non farci fallire con quello vecchio, storico e glorioso. Un po’ come Prisco che diceva: “Prima di morire divento milanista così muore uno dei loro”. Un tocco di grande umanità”

“Non ci sono parole per commentare e accettare questo ennesimo affronto alla nostra storia. Non c’è proprio né la forza né la voglia di accettare questa roba che non c’entra nulla con la FCIM”

“Il logo dell’Inter sembra un tappino per le birre da 375″

“A me sinceramente sembra un bollino delle mele, di quelli che ti attaccavi in fronte”

Tra i delusi anche Enrico Mentana: Un simbolo non si butta come una scarpa vecchia