Preziosi (Genoa): “Mai mi sognerei di far intervenire l’Asl. Affermazioni del Governatore della Campania De Luca molto gravi”

0
428

Il presidente del Genoa, Enrico Preziosi ha rilasciato una lunga intervista al Corriere dello Sport.

Le sue parole arrivano dopo l’attacco del governatore della Campania De Luca alla Juventus.

“Juve-Napoli è stato uno spot mortale per il nostro calcio. Ha minato alcune certezze, aprendo una voragine nella quale siamo sprofondati tutti e dalla quale non sarà facile risalire”.

“Io contro De Laurentiis? Il fatto in sé non mi riguarda, peraltro è materia della procura federale. Resta inteso che mai mi sognerei di far intervenire l’Asl. Da quello che mi raccontano e si sente dire, il Napoli rischia una penalizzazione in classifica.

Più che un rischio, è una certezza. Il regolamento tuttavia non va, deve essere rivisto, non ci sono santi. Non lo so come, io spero soltanto che il campionato prosegua e che il suo valore sportivo non risulti danneggiato”.

“Quando affermo che Juve-Napoli è stato uno spot mortale per il calcio italiano ho le mie buone, anzi ottime ragioni. Siamo in una fase caldissima della discussione sul futuro del nostro sport e non avevamo certamente bisogno di un incidente simile”.

Preziosi commenta le parole di De Luca: “Il presidente della Regione Campania, De Luca ha dichiarato che il protocollo della Figc è un atto privato e non conta niente? Un’affermazione molto grave”.

Preziosi ne spiega i motivi: “Il protocollo non è della federcalcio, ma del Cts e del Ministero della Salute, ed è rigidissimo. Noi società abbiamo il dovere di attenerci scrupolosamente a quell’insieme di direttive”.

Al Genoa abbiamo subito uno shock, il focolaio ci ha destabilizzati, ma garantisco che siamo pronti a lottare per portare a termine la stagione nel modo più regolare possibile. Mi auguro che come me la pensino anche gli altri diciannove presidenti, dobbiamo recuperare sogni e speranze. E giocare per sopravvivere”.