La Juventus modifica il Bilancio dopo la cessione di Higuain: Perdita da 71,4 Ml a 89,7 Ml

0
171

In seguito alla risoluzione consensuale tra la Juventus e Gonzalo Higuain, il club bianconero ha modificato e riapprovato il nuovo progetto di bilancio al 30 giugno 2020.

Questa la nota del club:

A seguito della risoluzione consensuale del contratto per le prestazioni sportive con il calciatore Gerardo Gonzalo Higuain e della svalutazione del valore residuo del calciatore – si legge sul sito ufficiale della Juventus – che genera un effetto economico negativo sull’esercizio 2019/2020 pari a € 18,3 milioni, il Consiglio di Amministrazione ha modificato e approvato il progetto di bilancio per l’esercizio chiuso al 30 giugno 2020, che evidenzia una perdita di € 89,7 milioni (rispetto alla perdita precedentemente comunicata pari a € 71,4 milioni), che sarà coperta mediante utilizzo della riserva da sovrapprezzo azioni”.

Nel dettaglio:

SINTESI DEI RISULTATI DELL’ESERCIZIO 2019/2020 COME RIAPPROVATI:

– L’esercizio 2019/2020 chiude con una perdita di € 89,7 milioni, che evidenzia una variazione negativa di € 49,8 milioni rispetto alla perdita di € 39,9 milioni dell’esercizio precedente.

L’incremento della perdita dell’esercizio deriva da minori ricavi operativi per € 62,8 milioni, maggiori oneri da gestione diritti calciatori per € 15,6 milioni, maggiori ammortamenti e svalutazioni sui diritti pluriennali alle prestazioni di calciatori per € 44 milioni, maggiori altri ammortamenti per € 5,7 milioni, principalmente legati alla prima applicazione del principio contabile IFRS16, e maggiori oneri finanziari netti per € 2,4 milioni. Tali variazioni sono parzialmente compensate da minori costi per il personale tesserato per € 42,1 milioni e non tesserato per € 1,4 milioni, maggiori proventi da gestione dei diritti di calciatori per € 14,8 milioni, minori costi per servizi esterni per € 10,1 milioni, minori imposte per € 5 milioni, minori acquisti per prodotti destinati alla vendita per € 5,4 milioni, minori accantonamenti netti per € 1,7 milioni e altre variazioni nette positive per € 0,2 milioni.

Al 30 giugno 2020 i diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori ammontano a € 508,4 milioni. L’incremento netto di € 87,4 milioni rispetto al dato di € 421 milioni al 30 giugno 2019 deriva da investimenti (€ +349,4 milioni), disinvestimenti netti (€ -68,6 milioni), ammortamenti dell’esercizio (€ -166,5 milioni) e svalutazioni dei diritti pluriennali alle prestazioni sportive di calciatori (€ -26,9 milioni). Il patrimonio netto al 30 giugno 2020 è pari a € 239,2 milioni, in aumento rispetto al saldo di € 31,2 milioni del 30 giugno 2019, a seguito dell’aumento di capitale concluso a gennaio 2020 (€ +298 milioni) al netto dei relativi costi, della perdita dell’esercizio (€ -89,7 milioni) e della movimentazione della riserva da fair value su attività finanziarie (€ -0,3 milioni).

La modifica dei risultati dell’esercizio 2019/2020 rispetto a quanto reso pubblico con comunicato stampa diffuso in data 11 settembre 2020 ha interessato la voce di conto economico “Ammortamenti e svalutazioni diritti calciatori” (in aumento) e la voce di stato patrimoniale “Diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori, netti” (in diminuzione) entrambe per € 18,3 milioni.

Si riportano in allegato al presente comunicato gli schemi del progetto di bilancio di esercizio al 30 giugno 2020.

PRINCIPALI FATTI DI RILIEVO AVVENUTI DOPO IL 30 GIUGNO 2020 ULTERIORI RISPETTO A QUANTO GIÀ COMUNICATO IN DATA 11 SETTEMBRE 2020:
Campagna Trasferimenti 2020/2021 – prima fase – Nei mesi di agosto e settembre 2020 sono stati risolti consensualmente i contratti con i calciatori Blaise Matuidi e Gonzalo Gerardo Higuain, entrambi in scadenza il 30 giugno 2021. Tali operazioni genereranno un effetto economico positivo netto sull’esercizio 2020/2021 di € 39,7 milioni”.