Damascelli: “Da Guardiola a Sarri, in pochi giorni la fine di chi pensa di aver inventato il calcio”

0
318

Il giornalista Tony Damascelli nel suo editoriale su il Giornale ha commentato la disfatta dei moderni Pep Guardiola e Maurizio Sarri, capofila dell’estetica degli schemi, che in Champions League si sono dovuti piegare al pragmatismo senza fronzoli, efficace e funzionale.

Un ritorno alla semplicità che piace a Damascelli, che sul suo editoriale scrive:

“In pochi giorni ci siamo giocati il sarrismo, il cholismo, il guardiolismo. Fine delle leggende con tutti gli ismi compresi, fine dell’allenatore prima dei calciatori, fine della tattica prima della tecnica, fine di tutto quel repertorio che riempie la bocca di ripartenze, intensità e di salari fuori dall’ordinario.

È il tempo delle riflessioni, il caso più evidente riguarda Guardiola che da otto anni, nonostante abbia frequentato soltanto ristoranti pluristellati e aver bruciato carte di credito non sue, non è riuscito ancora a ripetere i numeri catalani.

Il calcio è un gioco semplice reso complicato da chi pensa di averlo inventato dalla panchina o dai giornali. Questo agosto ci ha restituito il pallone, imprevedibile e dunque affascinante, giocato dagli uomini e non dai tablet o dai computer.

Ma prevedo, a settembre, la remontada degli sconfitti, con la stessa faccia e lo stesso conto corrente. E gli stessi cortigiani”.