Christillin: “Conte alla Juve? Agnelli se l’è legata al dito”. E sul mancato grazie a Sarri del presidente: “Non credo sia stata una dimenticanza casuale”

0
2274

Evelina Christillin è stata avvicinata telefonicamente dalla redazione giornalistica di TuttoJuve.com.

La manager torinese e super tifosa bianconera ha parlato ovviamente di Juventus.

La sfida più importante era vincere il nono di fila, la Juventus è riuscita in questa impresa anche se c’è stato un po’ di rilassamento nel finale”. Anche la Christillin evidenzia che “in nessun campionato della top 5 una squadra ha vinto nove scudetti di fila. E’ un pezzo di storia”.

Passando alla sfida di Champions col Lione, il membro aggiuntivo Uefa del consiglio Fifa, dice: “Sarà una sfida importantissima, ma se non dovesse arrivare la qualificazione si aprirebbero degli scenari, facilmente intuibili, che non conosco in modo diretto. Il compito di Sarri era principalmente di arrivare a questa benedetta Champions che non vediamo dal 1996, ci si aspettava all’inizio del suo mandato un cambio di gioco che non si è visto”.

In mezzo a questi scenari di cui mi parlava, che non conosce, è spuntato di nuovo il nome di Antonio Conte.

Parlo a titolo personale e non ho nessun tipo di informazione dall’interno della squadra. Conte ripete un po’ lo schema di sei anni fa, successe che trattò male la società ed è un po’ quel che sta facendo con l’Inter in questo momento. Il presidente Agnelli e gli azionisti se la sono legata un po’ al dito, perché un conto è lasciarsi da signori come accaduto con Allegri e un altro quel che è accaduto con Conte. Dal mio modesto punto di vista, rispetto tantissimo i miracoli fatti con la Juve e la nazionale ma non credo ci possa esser spazio per riproporre un suo nuovo corso”.

La manager torinese dice la sua anche sul fatto che il presidente Agnelli non abbia ringraziato Sarri durante la presentazione di Andrea Pirlo:

“Obiettivamente ha stupito anche a me, non credo sia stata una dimenticanza casuale in quanto conosco molto bene Andrea ed è sempre molto ben attento su ciò che dice. Anche sulle virgole”.