Dino Zoff: “La Juve può vincere la Champions. È l’obiettivo del club, la squadra farà qualsiasi cosa”

0
14520

L’ex portiere Dino Zoff nel corso di un’intervista a il Giornale ha commentato la recente conquista del nono scudetto consecutivo della Juventus, giunto con due giornate di anticipo rispetto alla fine del campionato.

Le parole di Dino Zoff:

“Il merito è di tutti, ma dietro a queste vittorie c’è una società forte, solida, ambiziosa. Riuscire a vincere 9 titoli di fila è significativo.

Ormai si dà per scontato il titolo della Juventus, in realtà ogni anno diventa più difficile. Per i giocatori, per gli allenatori e per la società stessa. I tifosi devono essere consapevoli di ciò.

Benché cambino gli interpreti, anche in campo la Juventus continua a vincere. Il vero punto in comune fra tutte queste vittorie è la società. Evidentemente si lavora bene e si sbagliano poche scelte.

Sarri può migliorare, intanto nella conoscenza della squadra. Ogni giorno si apprendono cose nuove, anche dopo anni. Inoltre ha dimostrato di essere un uomo estremamente intelligente e un allenatore molto preparato. In Italia è al suo primo grande titolo, ma anche con il Chelsea ha vinto, per giunta in campo internazionale. Per essere un allenatore, inoltre, è ancora relativamente giovane, può dare ancora molto. Alla Juventus e al calcio.

Cristiano Ronaldo resterà il trascinatore della squadra fin quando giocherà. Lui è arrivato a livelli altissimi proprio per la caparbietà che mette in ogni allenamento. Non sarà mai un comprimario. Però va detto che da Dybala a Pjanic, la Juventus di ottimi giocatori ne ha tanti, non solo Ronaldo.

Zoff ha poi espresso un commento su quello che è il principale obiettivo dei bianconeri, la Champions League:

La Juve può vincere il trofeo. Questo è l’obiettivo del club, e per questo la squadra farà qualsiasi cosa. Credo che si potranno avere piacevoli sorprese.

Sarri ha a disposizione una rosa unica, competitiva in ogni reparto. Non ritengo abbia nulla da invidiare alle altre squadre che vogliono vincere la Champions League“.