Il giornalista Claudio Pea: «Calciopoli invenzione della Gazzetta. Non c’è una prova che condanni la squadra bianconera»

0
293

Il giornalista, Claudio Pea è intervenuto ai microfoni de “I Tirapietre”, programma condotto da Luca Cirillo e Donato Martucci, sulle frequenze di Radio Amore Campania.

Queste le sue parole:

La Juventus ha già vinto lo scudetto? No, penso che nelle prossime due trasferte, la più facile sia quella con la Lazio. Il Sassuolo gioca il miglior calcio degli ultimi tempi, come sta giocando un buon calcio il Napoli, il Milan, l’Atalanta”, ha detto Pea.

Mentre non sta giocando un buon calcio la Juventus, come la Lazio. Caos rigori? Nessuno di questi che stanno dando è rigore, hanno sbagliato i vertici arbitrali ad interpretare questa regola, i difensori cosa devono fare? Nascere privi di entrambe le braccia? Già è un calcio strano giocare tutti i giorni e senza tifosi”, ha detto ancora il giornalista di fede bianconera.

Il giornalista dice la sua anche sui sorteggi Champions League:

E’ più facile che passi il turno il Napoli che la Juventus. Gli azzurri devono riuscire a fare un goal, giocando una partita spregiudicata, il Barcellona non è più la squadra di prima. Con il pubblico, per esempio, nessuno dava quel calcio di rigore al Milan, non mi piace per niente questo calcio”.

E su Maurizio Sarri: “Basta guardare la faccia di Agnelli, la Juventus negli ultimi dieci anni non ha mai sofferto le pene dell’inferno come le ha sofferte con il benzinaio Sarri. Non vorrei offendere la categoria dei benzinai, ma è veramente assurdo. La sua Juventus va a benzina, ma da un pezzo”.

Il giornalista prende spunto per elogiare Moggi:

“E’ il massimo, ha un fiuto meraviglioso, era andato oltre gli Agnelli. Per me non ha fatto niente. Calciopoli è una invenzione della Gazzetta dello Sport. La Juventus come adesso è odiata, non c’è una prova che condanni la squadra bianconera”.